Autoscatto perfetto: ecco i trucchi per fotografarsi da soli

Autoscatto perfetto

Pronto per il tuo prossimo viaggio? Magari in solitaria

Viaggiare da soli è un’esperienza bellissima, ma pone anche una serie di difficoltà. Una di queste è quella fotografica.

Sappiamo già tutti che una foto è più bella con un soggetto umano. Ma a meno di non voler fermare sconosciuti per posare per noi, nel viaggio in solitaria si rischia di avere una serie di foto di paesaggi senza figure piuttosto tristi. 

Come possiamo quindi realizzare l’autoscatto perfetto quando in viaggio da soli, o semplicemente quando desideriamo tirare fuori qualche bella foto di noi stessi per Instagram o altre piattaforme?

Io per esempio molte volte mi trovo in paesaggi e location mozzafiato completamente solo, potrei semplicemente scattare una foto al paesaggio, ma adoro posizionare un soggetto davanti alla fotocamera; per questo, quando non ho un soggetto da usare come modello, mi dedico alla realizzazione di autoscatti (come quello della foto di copertina di me e Ilaria che ci rincorriamo).

La maggior parte delle persone arriva nella location pronta a scattare la foto, ma alla fine le foto vengono male e si perde una marea di tempo per cercare di realizzare qualcosa di decente.

In questo blog parliamo di fotografia professionale quindi mi concentrerò particolarmente sull’utilizzo della fotocamera, ma se disponi di uno smartphone con buona fotocamera i consigli restano comunque validi. 

Questo sopratutto considerando il fatto che gli smartphone stanno ormai raggiungendo la qualità delle moderne fotocamere.

Detto questo, se non riesci a fotografarti da solo quando sei in viaggio, non ti preoccupare, ci sono passato anche io, anzi all’inizio non riuscivo proprio a scattare una foto decente.

Ma poi piano piano mi ci sono impegnato studiando a fondo e sono riuscito ad ottenere foto come questa:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Ila&Marco➡️ViaggioSoloAndata🛫 (@viaggio.solo.andata) in data:

E in questo articolo ti vado a svelare quelli che sono i trucchi per scattare foto in questo modo.

Per realizzare lo scatto perfetto non hai bisogno di attrezzatura particolare, ti basta un cavalletto e magari un telecomando per scattare da remoto.

Il cavalletto per realizzare l’autoscatto perfetto:

Il cavalletto è lo strumento che mi porto dietro in tutti i viaggi, ce ne sono di vari tipi da quello più stabile a quello più leggero, ma in ogni caso sappi che sicuramente ti tornerà utile per realizzare l’autoscatto che hai sempre desiderato.

Come scegliere il cavalletto giusto per autoscatti perfetti?

Diciamo che se sei una persona che come me viaggia molto, è consigliabile avere un cavalletto con un basso ingombro e molto leggero; io per i miei viaggi ho scelto il Manfrotto compact che ha una ottima qualità prezzo ed è perfetto per viaggiare.

https://amzn.to/2NjpKZn

In alternativa se non vuoi portarti dietro un cavalletto così ingombrante, puoi optare per un gorillapod che è un super treppiedi da viaggio, leggero compatto e ultra portatile. 

Ovviamente, lo svantaggio di questo cavalletto è che essendo basso, magari farai ancora fatica a realizzare autoscatti ad un altezza normale, ma con un po’ di pazienza riuscirai a posizionarlo bene in quasi tutte le situazioni.

Il cavalletto è l’arma migliore del fotografo poiché gli permette di posizionare la fotocamera e scattare in completa autonomia.

Questo cavalletto può essere utilizzato tranquillamente con un adattatore su un cellulare, quindi va benissimo anche per lo smartphone.

Configurare la fotocamera o il cellulare per realizzare autoscatti

La prima cosa è quella di trovare una location bella e possibilmente al tramonto o all’alba, come abbiamo scritto in questo articolo per realizzare belle foto in viaggio.

Da lì hai 3 opzioni per realizzare il tuo autoscatto:

  1. Utilizzare il timer della fotocamera
  2. Utilizzare la funzione time-laps
  3. Utilizzare l’app per l’autoscatto o l’apposito telecomando.

Utilizzare il timer della fotocamera per realizzare l’autoscatto:

Questa è la funziona più semplice da utilizzare ma anche quella più scomoda, implica il fatto che tu debba impostare il timer della fotocamera, premere il pulsante e poi correre davanti alla fotocamera in tempo e nella posizione giusta prima che la fotocamera inizi a scattare.

Un volta realizzato lo scatto, dovrai correre indietro per vedere il risultato ottenuto e ripetere il tutto da capo.

La funzione autoscatto è ormai disponibile su tutte le fotocamere e su tutti i cellulari, sulle fotocamera solitamente la trovi indicata con una schermata simile a questa:

Ovviamente cambia da fotocamera a fotocamera e molte dispongono di un apposito pulsante.

Ma se proprio vogliamo, c’è una soluzione migliore che è quella di utilizzare la modalità timer. Ovvero utilizzare la funzione time laps:

Utilizzare la funzione time laps per realizzare autoscatti

La funziona time laps è molto semplice, posizioni la fotocamera e gli dici di scattare una foto ogni tot secondi. 

Per esempio puoi impostare la fotocamera dicendogli di scattare una foto ogni secondo, a questo punto ti basta premere il pulsante e la fotocamera inizierà a fare il resto.

In questo modo non devi premere il pulsante ad ogni scatto come hai fatto nella modalità timer, ma ti basta posizionarti davanti alla fotocamera e realizzare quante foto vuoi.

In ogni caso, ti consiglio di guardare come vengono le prime foto per evitare di scattare tutte foto che magari risultano sotto esposte, sovra esposte o magari fuori fuoco.

Ormai tutti i cellulari dispongono di una modalità time laps quindi potrai utilizzare tranquillamente questa funzione anche sul cellulare.

 

Utilizzare app o il telecomando per scattare da remoto

App per autoscatto

L’ultima soluzione, nonché quella che ti permette di ottenere il risultato migliore, è quella di utilizzare un’app per scattare da remoto.

Si perché molte fotocamere permettono di utilizzare un’apposita app per scattare da remoto.

Il bello di questa app è che puoi vedere cosa vede la fotocamera, quindi puoi posizionarti davanti l’obbiettivo e vedere direttamente dall’app se la tua posizione è corretta; non solo, una volta che hai scattato la foto potrai guardarla immediatamente per scoprire se il risultato ottenuto è soddisfacente.

Se la tua fotocamera non dispone della funzione per potersi collegare all’apposita app, c’è questa soluzione alternativa che può essere utilizzata sia su fotocamere che su smartphone.

Puoi acquistare il device sopra con qualche decina di euro su Amazon:

Con questo ultimo consiglio potrai realizzare autoscatti e selfie mozzafiato senza dover diventare matto per cercare di tirare fuori una foto decente. 

Be’, mi sembra di aver detto tutto. Come ultima cosa, se hai la passione per la fotografia, non dimenticarti di visitare la nostra sezione dedicata alla fotografia in viaggio su Youtube (e iscriviti al canale ovviamente)

Pronto a scattare autoscatti mozzafiato?

Un abbraccio,

Marco & Ilaria

Written By
More from Marco

Bridge vs Reflex per viaggiare, quale conviene scegliere

Bridge vs reflex, qual è la scelta migliore per viaggiare? Una lettrice...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.