Fotografare in viaggio: imparare la fotografia viaggiando

Prima di partire per il nostro lungo viaggio di 5 mesi, non avevo la minima idea di cosa fosse la fotografia, e non avevo mai neanche preso in mano una reflex. Mi ci sono voluti circa 3 mesi per capire le basi ed iniziare a fotografare in viaggio in modo decente.

Tutta questa passione per la fotografia è nata appunto grazie al viaggio: avevo deciso di immortalare al meglio i momenti di viaggio e così decisi di avvicinarmi al mondo della fotografia, l’unico vero intento era appunto quello di catturare le emozioni che avrei incontrato durante il mio percorso e dal punto di vista personale posso dirti di esserci riuscito in pieno, giudica tu stesso:

Queste foto non sono perfette, un fotografo professionale potrebbe trovarci 1000 difetti, anzi adesso con il senno di poi e con un po’ più di esperienza, farei delle scelte diverse, ma tutto sommato ho ottenuto il risultato che volevo ottenere. Ovvero, immortalare momenti di viaggio che siano in grado di raccontare delle emozioni.

Detto questo, a meno di una anno da quando mi sono avvicinato alla fotografia, sono riuscito ad avere le mie prime soddisfazioni e premi da GoPro e National Geographic, come ho fatto? Semplice, ho studiato.

Da zero a fotografo in viaggio: la premessa

Con questo post non ti sto promettendo di diventare un fotografo di National Geographic nel giro di 3 mesi, ma quello che ti posso assicurare è che si può passare da schifezza assoluta a belle foto nel giro di poco tempo e con un’attrezzatura di base e poco costosa.

Questa post è quindi dedicato a tutti quelli che si sentono delle schiappe dietro l’obbiettivo e vogliono iniziare a scattare delle foto decenti o, se vogliamo esagerare, belle, ogni volta che si parte per un viaggio.

Personalmente come già detto prima, non voglio prometterti l’oro, ma dopo meno di 8 mesi che mi sono avvicinato alla fotografia, ho vinto 2 GoPro Awards, una nomination su National Geographic come una delle 10 foto migliori del giorno, ed è anche arrivato il mio primo incarico retribuito come fotografo, in più una copertina su una rivista sportiva Italiana. Questo per dirti che se ci sono riuscito io ci possono riuscire tutti.

Se non ci credi guarda il mio profilo Instagram e guarda le foto che scattavo all’inizio, una bella differenza con le ultime no?

Se poi sei curioso, non perderti il nostro profilo Instagram dove pubblichiamo le foto più belle dei nostri viaggi.

 

Fotografare in viaggio: come iniziare

Another picture from the #gobidesert. ⠀ ⠀ #viaggiosoloandata

Un post condiviso da Viaggio Solo Andata (@viaggio.solo.andata) in data:

So già cosa stai pensando: adesso mi compro una bella reflex con un bell’obiettivo super costoso, così posso iniziare e a fare belle foto!

No, no e poi no, fotocamera o gingilli costosi non servono a niente se non sai come e dove puntarle.

La prima cosa che dovresti fare in assoluto è STUDIARE le base e sperimentare con quello che hai. Io ho iniziato con quello che avevo, ovvero una GoPro, e questo è il risultato dopo circa 2 mesi di studio:

Ci sono persone che scattano foto fantastiche con i loro cellulari, se non ci credi guarda questo profilo Instagram.

Ok Marco, ho capito, ma cosa mi consigli per iniziare a capirci qualcosa di fotografia?

Oggi internet è pieno di tutorial, ma ti consiglio di iniziare con un corso base come questo di National Geographic, lo stesso che ho studiato io. È ottimo per avere le basi e capire come funziona il mondo della fotografia, è importante fare gli esercizi che ti vengono assegnati quando possibile e cercare di appuntarsi le cose più importanti.

Prenditi il tempo che vuoi per assimilare bene questi concetti e mettili in pratica il più possibile. Non importa se usi un iPhone, una GoPro o un una compatta da 80 euro, la teoria è quello che conta, almeno all’inizio.

Una volta finito con il corso base, ti consiglio questo libro : L’occhio del fotografo, mi è stato consigliato da un mio amico molto appassionato di fotografia ed è ottimo per farti capire i ragionamenti di base che ci sono dietro la fotografia e che tornando molto utili quando si viaggia.

D’altronde quando si fotografa è importate entrare in quella dimensione parallela che ti porta a ragionare in termini totalmente diversi, quando cammini per strada con l’intento di fotografare ragioni in termini di composizione, luce, esposizione, etc, tutti pensieri che devono diventare la normalità quando decidi di scattare foto, altrimenti sei come tutti quei turisti che si limitano ad alzare la fotocamera solo quando vedono qualcosa di interessante.

Attrezzatura per approcciarsi alla fotografia da viaggio

Questo capitolo verrà approfondito in altri articoli ma è importante che tu capisca che per ottenere buoni risultati non hai bisogno di spendere tanto in attrezzature costose , almeno non in questa fase iniziale. Ti consiglio di capire bene se il mondo delle fotografia ti appassiona e fa per te prima di spendere una montagna si soldi in fotocamere ad accessori vari.

Se proprio vuoi sapere con cosa scatto: io uso una Nikon D5200 con un Sigma 17-70, è un’ottima entry level e ancora dopo più di un anno non mi sento di sfruttarla appieno, detto questo vorrei comunque passare a lenti migliori che mi permettano di ottenere un risultato diverso e più professionale, ma per questo c’è tempo, prima bisogna imparare a sfruttare al massimo quello che si ha.

L’altro giorno stavo facendo delle fotografie ad una laurea, mi si avvicina un fotografo, iniziamo a chiacchierare ed io gli mostro alcune delle mie foto, lui incuriosito mi chiede con che macchina scatto, io gli mostro la mia entry level e lui rimane incredulo. Questo per ribadirti il concetto che gli strumenti per la fotografia non servono a niente se non si conoscono le basi.

Nei prossimi articoli vedremo quelle che sono le fotocamere e gli accessori migliori per avvicinarsi al mondo della fotografia in viaggio, per ora usa quello che hai e studia le basi con quello che hai.

 

Iniziare a fotografare:

Non importa in quale parte del mondo sei, l’importante è fotografie con cognizione di causa, intendo non semplicemente puntare la fotocamera e premere il bottone, ma pensare sempre a come comporre la foto, usare la luce, l’esposizione etc per ottenere l’effetto desiderato. In viaggio solitamente si ha più tempo per scattare e meno per studiare, è quindi bene che certe tecniche vengono assimilate il prima possibile, durante il viaggio si farà la dovuta pratica.

Ogni volta che andrai a sviluppare le tue foto, cerca di capire cosa avresti potuto fare per renderla meglio, se puoi rifalla altrimenti continua a scattare, studiare e migliorarti viaggio dopo viaggio e scatto dopo scatto.

Il consiglio per chi inizia: vuoi sapere il trucco per fare foto poco noiose? Stai di fronte a cosa poco noiose.

Cosa ne pensi? A che livello sei con la tua fotografia in viaggio? Faccelo sapere nei commenti!

 

Un abbraccio,

Marco e Ilaria

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Marco

I 6 errori del fotografo di viaggio che sono assolutamente da evitare

Sei all’inizio della tua avventura e non vedi l’ora di immortalare una...
Read More

5 Comments

  • Mi è piaciuto il tuo articolo perchè mi riconosco in molte tue affermazioni (tranne che non ho vinto nulla ehehe): mi sono avvicinata alla fotografia per rivivere le emozioni del viaggio a casa, ho iniziato con una D5000 e l’ho cambiata solo dopo 7 anni perchè volevo essere sicura di saper sfruttare al massimo ciò che possedevo, e ho fatto delle mostre con foto scattate con uan compatta 🙂
    Leggerò le guide che segnali: c’è sempre molto da imparare!

  • Grazie dei consigli, io sono proprio all’inizio come foto, inizierò con la vecchia reflex di mia sorella per imparare le fondamenta, poi si vedrà l’evoluzione!

  • Ciao!! Articolo molto utile. Ho cercato il corso su national geografic e purtroppo è esaurito, ho anche scritto direttamente a loro ma mi hanno detto che purtroppo non sanno se e quando verrà ripubblicato.
    Volevo chiederti se per caso avevi qualche altra indicazione su video corsi da poter acquistare.
    Sono agli inizi e non so proprio verso cosa indirizzarmi.
    Grazie mille!!! E complimenti per il vostro lavoro e impegno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.