Fotografia di viaggio: come ottenere il meglio dai tuoi scatti in viaggio

La fotografia in viaggio sta diventando sempre più di moda, non c’è bisogno neanche di avere la fotocamera di ultima generazione per riuscire a scattare foto mozzafiato.

Ma nonostante l’attrezzatura non sia indispensabile, la foto perfetta non si materializzerà magicamente davanti a noi. Infatti ci sono dei trucchi e consigli che dobbiamo tenere a mente quando viaggiamo per riuscire a scattare delle foto mozzafiato.

I consigli che sto per darti sono gli stessi che applico nei miei viaggi.

Il mio obiettivo, essendo un fotografo di mestiere, è quello di portare a casa una scatto mozzafiato e cercare di catturare l’essenza del luogo.

Spesso non è una cosa facile da portare a termine, ma quando ci si riesce, le soddisfazioni sono tantissime.

Questo modo di scattare mi ha portato ad avere parecchi riconoscimenti e pubblicazioni, ma soprattutto tante soddisfazioni.

Se anche tu vuoi ottenere il massimo dalle tue foto in viaggio, allora qui troverai tutto il necessario.

 

Davvero, non importa che tu sia un professionista.

Anche se per te la fotografia è solo una passione, potrai comunque trovare consigli molto utili per ottenere il massimo dalle tue foto di viaggio.

Primo consiglio veloce veloce:

Prima di proseguire ti faccio subito una domanda: stampi mai le tue foto una volta tornato da un viaggio??

Se non lo fai, appena finito questo articolo corri a stamparle.

Anzi, io stesso ho una parete dedicata a tutti i miei scatti.

E’ importante stampare le foto, soprattutto quelle scattate in viaggio.

La carta ha tutto un’altro sapore, ed è bello entrare in una stanza e farsi travolgere dalle emozioni delle foto che hai scattato.

Perché ogni foto ha una storia, un momento che seppure piccolo per te può significare tanto.

Stampare la foto significa fissare quel momento sulla carta e poterlo rivivere in ogni istante. Il primo consiglio che ti do, quindi, è questo 🙂

 

Ma adesso iniziamo con i consigli “seri” su come ottenere il massimo quando si parla di fotografia in viaggio.

Qui trovi l’indice dei consigli che trovi nell’articolo:

  1. Location scouting: studiare la location
  2. Trova un fixer
  3. Soldi sempre con te per scatti di strada
  4. Sii creativo e non banale
  5. Scarico di responsabilità per fotografi
  6. Scatta al tramonto o all’alba
  7. Regalo per te!

Location scouting online: studiare la location

Location scouting non significa altro che fare una ricerca sui luoghi migliori dove scattare fotografie.

Internet è pieno di risorse utili per fare questo.

Se hai Instagram puoi utilizzare gli hashtag per trovare le foto relative ad un luogo.

Per esempio se stai andando a visitare la Giordania, puoi utilizzare gli hashtag #Petra e #visitJordan per visualizzare le foto scattare in quel luogo:

A questo punto ti sarai fatto un’idea dei luoghi più interessanti dove scattare le foto.

Un’altro metodo comune è quello di aprire Google immagini e digitare la location che vuoi andare a visitare.

Nella schermata che vedi qui sopra, ho fatto una semplicissima ricerca digitando Giordania.

Come vedi ho ottenuto parecchi risultati interessanti.

Una volta trovate le immagini più interessanti online, non ti rimane altro che fare ricerche approfondite per capire come accedere a determinati luoghi.

Oltre agli orari, cerca di documentarti il più possibile online per evitare fregature tipo divieti particolari.

Questo lavoro è fondamentale per sapere in anticipo come sfruttare al meglio la location per tirare fuori il massimo dai tuoi scatti.

Per esempio, quando sono andato a visitare Petra, ho studiato in anticipo quasi tutto e mi sono informato sugli orari di apertura e la lunghezza dei cammini in zona.

Così facendo, ho scoperto in anticipo che il modo migliore per scattare una bella foto a Petra senza nessuno sarebbe stato entrare alla mattina presto, camminare per circa un’ora e arrivare al monastero, dove saremmo stati praticamente soli.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Ila&Marco➡️OneWayOnly? (@viaggio.solo.andata) in data:

Bello, no? Se vuoi approfondire, qui trovi un video dove ti racconto la mia esperienza fotografica a Petra.

Ah, un altro trucco che puoi usare per trovare le location migliori da fotografare e quello di cercare tour fotografici già organizzati.

Già perché chi organizza tour sa bene quali sono i luoghi migliori.

Solitamente prendo gli itinerari di chi organizza tour e me li faccio da solo in solitaria.

Ti basterà digitare su Google: “Tour fotografico //nome paese//” e troverai parecchi tour organizzati da cui prendere spunto.

Questo trucco non lo utilizzo solo per i tour di piccole location, ma per interi viaggi fotografici.

In questo modo riesco a risparmiare migliaia di euro organizzando lo stesso tour in autonomia.

Fotografia in viaggio: trovare un fixer

Cosa è un fixer ti starai chiedendo?

Nel gergo fotografico, non  altro che una persona che ha una profonda conoscenza del luogo e della comunità.

Conoscere una persona del luogo ti darà numerosi vantaggi, tra cui:

  1. Accesso a luoghi riservati.
  2. Accesso a persone locali

Ti faccio un esempio pratico, durante il mio viaggio in Giordania, siamo stati accompagnati da Sandra, una ragazza danese che vive in Giordania.

Sandra ci ha portato in tantissimi luoghi unici e ci ha fatto conoscere un sacco di persone del luogo che si sono rivelati dei soggetti fotografici fantastici.

Per esempio questa foto è stata scattata durante un pernottamento nel deserto del wadi rum con un beduino che ci ha presentato proprio Sandra.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Ila&Marco➡️OneWayOnly? (@viaggio.solo.andata) in data:

Inoltre ci ha portato a fare tour a cavallo e ci ha mostrato tante location bellissime e isolate.

Insomma, un locale conosce la magia del luogo ed è il modo migliore per entrare in contatto con cultura, paesaggi e persone.

Come trovare un fixer?

La domanda che mi viene fatta molto spesso è: come faccio a trovare un fixer?

Be, una soluzione è quella di utilizzare Instagram e di cercare le foto postate in certe location, se vedi che sono state scattate da locali, allora puoi contattarli chiedendo se sono disposti a farti da fixer oppure se conoscono qualcuno disponibile.

La seconda soluzione e quella più efficace è quella di arrivare in loco con qualche giorno di anticipo, in questo modo di basterà chiedere in giro per riuscire a trovare qualcuno.

Evita di chiedere a hotel e persone nell’ambito del turismo perché probabilmente ti chiederanno soldi per fare cose super turistiche.

E non dimenticarti di chiedere prima il prezzo.

La mie trattative funzionano generalmente in questo modo: mi presento dicendo che sono un turista e non un fotografo professionista, chiedo se la persona che ho davanti è disponibile a farmi conoscere qualcosa di interessante del luogo che può essere una persona o un luogo. Oppure mostro delle foto di location particolari chiedendo che riesce a portarmi in quella location oppure se conosce location simili.

Da questa trattativa iniziale valuta cosa ti viene proposto e ti suggerisco di non accettare la prima offerta ma di valutare almeno 2 o 3.

Io non dico che sono un fotografo professionista per il semplice fatto che in questo modo solitamente propongono dei prezzi più bassi.

Se ti vedono con attrezzatura penseranno subito che sei ricco e hai soldi da spendere, iniziando a sparare prezzi altissimi.

Vuoi scattare belle foto in viaggio? Porta i soldi sempre con te

Io non viaggio mai senza qualche soldo in moneta locale sempre pronto in tasca!

Avere qualche moneta in tasca mi fa sempre comodo quando per strada qualcuno a cui chiedo una fotografia mi chiede dei soldi.

Guarda questa foto per esempio:

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Ila&Marco➡️OneWayOnly? (@viaggio.solo.andata) in data:

Questa foto è stata scattata a un beduino che mendicava a Little Petra in Giordania.

Mi sono avvicinato facendogli vedere la fotocamera e facendogli capire che ero intenzionato a scattare qualche foto.

Ovviamente mi ha dato il consenso e ne è uscito lo scatto che vedi sopra.

In quel caso ho colto la palla al balzo e ho usato i soldi che avevo pronti in tasca proprio per queste evenienze.

Capita spesso di incontrare per strada personaggi con visi molto affascinanti che vogliono venderti qualcosa o fanno semplicemente l’elemosina, io semplicemente offro loro qualche soldo in cambio di alcune foto.

Per questo motivo è importante girare con soldi sempre alla mano e pronti per scambiati con foto.

Se non hai spiccioli pronti è un problema perché ti ritroverai con banconote di grande taglio e non potrai utilizzarle per queste cose.

Quindi ti basta avere  sempre un po’ di euro in valuta locale per riuscire a fare qualche scatto di strada.

Se non vuoi pagare per fare fotografie lo capisco, ma ricordati di chiedere sempre il permesso prima di scattare!

Sii creativo e non banale

La maggior parte dei turisti quando va in una location si limita ad andare nei posti più gettonati e scattare le classiche foto.

Ma si può sempre fare di meglio.

Cosa vuoi dire Marco?

Voglio dire che basta essere un pò creativo per riuscire ad ottenere molto di più dalle tue foto.

Un esempio? Guarda questa foto:

Durante la mia vacanza a Lanzarote, ho deciso di fare qualcosa di diverso.

Sapendo che Lanzarote come tutte le Canarie è molto ventosa, ho deciso di ritagliare 2 lunghi pezzi di stoffa da portare con me proprio per scattare delle foto.

Non ci è voluto tanto.

Ho perso circa un’ora per trovare e tagliare i tessuti con un costo di 10 euro.

Ma con così poco sono riuscito a scattare delle foto bellissime che altrimenti non avrei potuto fare.

A tal proposito, ho un regalo per te!

Ho scritto un ebook gratuito che ti consente di scattare belle foto da subito.

 

La creatività è un elemento fondamentale di tutti i fotografi e trovare sempre soluzioni nuove per fare foto diverse è un bellissimo modo per riuscire a far evolvere la propria fotografia.

 

Scarico di responsabilità

So che può sembrarti una cosa strana e fuori dal mondo, ma oggigiorno purtroppo dovresti sempre girare con lo scarico di responsabilità in tasca.

Te lo dico per esperienza personale: la foto che hai visto sopra del beduino è stata selezionata per essere pubblicata su National Geographic, ma indovina un po?

Mi hanno chiesto lo scarico di responsabilità firmato dal soggetto della foto!

So che è una cosa fuori dal mondo, ma se decidi di mandare le tue foto a concorsi e riviste, allora se riesci sarebbe sempre buono avere uno scarico di responsabilità da far firmare ai soggetti delle tue foto.

Io lo faccio solo quando conosco bene il soggetto e riesco a comunicare bene, questo perché molte volte per strada non incontriamo persone che parlano Inglese e delle volte non sanno neanche scrivere.

In questo caso, è impossibile solo pensare di far firmare uno scarico di responsabilità a queste persone.

Insomma, io ti ho avvisato e purtroppo i tempi stanno cambiando, ormai quasi tutti per tutelarsi chiedono uno scarico di responsabilità.

Se non hai una liberatoria, ecco il mio modello ( clicca qui) , lo puoi copiare tranquillamente e utilizzarlo per le tue foto.

Scatta al tramonto o all’alba

Cosa hanno in comune le foto che ti ho mostrato prima?

Che il 90% sono state scattate tutte al tramonto o all’alba!

Perché?

Perché la luce è migliore, anzi la luce è perfetta.

Se c’è un momento dove devi mettere da parte la fotocamera è quando la luce è fortissima e tu sei all’aperto.

I paesaggi assumono tutto un’altro sapore con la luce che si trova al tramonto o all’alba.

Io quando sono in viaggio, lascio i posti più belli da visitare sempre durante il tramonto o all’alba.

In questo modo riesco a scattare foto molto più belle con il minimo sforzo!

Se vuoi nell’ebook gratuito per scattare foto bella da subito trovi un esempio pratico!

Un regalo per te

Sì è vero, se conti l’ebook gratuito questo è il secondo regalo che ti faccio in questo articolo.

Ma oggi mi sento particolarmente generoso.

Qui trovi un’infografica gratuita con riassunti tutti i consigli che hai appena letto:

Clicca qui se la vuoi in alta risoluzione.

Stampala e riguardala prima di ogni viaggio!

Spero che questo articolo ti sia stato utile.

Ecco un riassunto di quanto ci siamo detti:

  1. Location scout: fai una ricerca intensa per ottenere tutte le informazioni utili sulla location che stai andando a visitare. Utilizza Google immagini e Instagram per trovare altre foto scattate.
  2. Trova un fixer, ovvero una persona esperta del luogo che sia in grado di farti conoscere locali e portarti nei posti remoti e segreti che solo i locali conoscono.
  3. Soldi sempre con te: ricordati di avere sempre qualche euro pronto da dare a mendicanti e santoni in cambio di qualche foto. E’ una tecnica che utilizzo tantissimo in viaggio.
  4. Sii creativo e non banale: ogni volta che parto per un viaggio mi chiedo “cosa posso fare per sfruttare quella location e fare una foto particolare e non banale?”
  5. Liberatoria: te l’ho già detto di quando non mi hanno pubblicato su National Geographic perché una foto da me inviata non aveva lo scarico di responsabilità compilato dal soggetto?

Prima di salutarti, voglio ricordarti che sono sempre disponibile per qualsiasi cosa.

Anzi, qual è il dubbio che hai o che ti frena dallo scattare belle foto in viaggio?

Fammelo sapere nei commenti qui sotto e ti risponderò il prima possibile.

Prima di salutarti, se vuoi sapere come scattare belle foto in viaggio, Marco ho realizzato un video che parla proprio di questo:

Un abbraccio,

Marco & Ilaria

Tags from the story
,
Written By
More from Marco

Cosa vedere a Mosca: le 4 cose da non perdere

Mosca è una città che ha molto da offrire, ma ci sono...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.