Ecco perché organizzare un viaggio ORA ti rende felice (anche senza partire)

ORGANIZZARE un viaggio fa bene

Stai già organizzando il tuo prossimo viaggio? Come dici? No?!

Non è il momento giusto, non sai quando potrai effettivamente partire, non hai soldi a sufficienza in questo periodo, le notizie mondiali ti preoccupano…

La lista di motivi per NON partire potrebbe sembrare lunga. Ma la verità è che, se ami viaggiare e organizzare un viaggio è una delle tue attività preferite, smettere di farlo perché ci sono problemi interni o esterni (da complicazioni familiari a…una pandemia) è la scelta peggiore che tu possa fare.

Non lo dico solo io, ma ricercatori di svariati campi e anche un articolo di National Geographic. Per cui sarà meglio approfondire, non trovi?

organizzare un viaggio in giappone

Come sconfiggere paure e ansie? Con ciò che amiamo

So come ti senti. Probabilmente in questi mesi di pandemia ti sei quasi obbligato a non pensare al viaggio, nascondendo le guide che hai comprato e le fotografie di posti esotici per non sentire quella fitta di dolore al pensiero di non sapere quando si potrà ricominciare a viaggiare.

Poi hai iniziato a leggere le notizie positive di Stati che riaprono gradualmente le frontiere, e ti sei rianimato…solo per tornare a chiuderti, perché viaggiare in questo momento fa ancora paura e sembra tutto molto più complicato di prima.

Ansia e preoccupazione sono state fedeli compagne per la maggior parte di noi, in questo periodo di pandemia. E il pensiero di organizzare un viaggio sembrava…be’, sembrava così inutile. Quasi controproducente.

E se ti dicessi, anzi ti dimostrassi, che è il contrario? Che è proprio quando il gioco si fa duro e la vita ci mostra il suo ghigno peggiore, che dobbiamo rifugiarci nelle cose che ci rendono felici, che ci calmano e ci aiutano a pensare positivo?

Se organizzare un viaggio è una di queste, non dovresti privartene proprio ora. Anzi!

E la data di partenza? L’acquisto dei biglietti, la conferma degli hotel, etc? Lascia stare, quello non è necessario (per ora). L’importante è la parte di progettazione del viaggio e di sogno…

visualizzare il futuro

Viaggiare fa bene, anche senza partire davvero

Che viaggiare ci faccia bene è non solo confermato dall’esperienza empirica di ciascuno di noi, ma anche da parecchie ricerche scientifiche: un sondaggio del 2013 su 485 adulti negli Stati Uniti ha collegato il viaggio allo sviluppo di maggiore empatia, attenzione, energia e concentrazione. Altre ricerche suggeriscono che l’atto di adattarsi alle culture straniere può anche facilitare la creatività. 

E fin qui, lo sapevamo anche senza l’aiuto dei camici bianchi, no? 😉

Quello che è interessante però, è che alcune ricerche dimostrano che non è solo la fase del viaggio in sé a portare risvolti positivi per la nostra psiche: organizzare un viaggio, anche senza poi partire davvero, ha altrettanti effetti positivi!

Perché? Per il magico potere dell’anticipazione. Diversi studi tra cui quello della Cornwell university del 2014 hanno evidenziato che le persone sono più felici quando pregustano un’esperienza piacevole, come un viaggio. Molto di più che se attendessero l’acquisto di qualche bene materiale, tra l’altro, come suggerisce la teoria del minimalismo.

Tra i motivi che i ricercatori hanno evidenziato per questo fenomeno, ci sono diversi elementi interessanti:

  • Organizzare un viaggio ci dà non solo qualcosa di bello da fare, ma qualcosa di bello di cui parlare.
    Siamo animali sociali e la nostra socialità, anche nel bel mezzo della pandemia e del distanziamento, influenza il nostro umore.
    Hai presente quella spiacevole sensazione di quando senti al telefono amici o familiari e…non hai niente da dire, perché sei stato chiuso in casa in quarantena per settimane? Ecco, organizzare un viaggio rompe quella monotonia, mette in modo il cervello e le mani, ci fa attivare in una direzione piacevole e ci dà anche modo di parlarne con chi ci circonda!
  • Organizzare un viaggio ci fa sentire più ottimisti.
    Passiamo un sacco di tempo a immaginare il futuro, anche se ci sforziamo di vivere nel presente. E quanto più quel futuro è nebuloso e incerto, quanto più i pensieri con cui ci arrovelliamo diventano negativi e cupi, rendendo pessimisti anche noi.
    Se invece occupiamo il nostro “pensiero del futuro” con qualcosa di bello, di positivo, come l’organizzazione di un viaggio a lungo sognato, cambiamo completamente il “film” che stiamo guardando.
  • Cominciamo a vivere il viaggio quando iniziamo a organizzarlo.
    Sembra una frase presa dai cioccolatini, non è vero? Eppure è più scientificamente provata di quanto pensi. Nel momento in cui studiamo le mappe, programmiamo gli itinerari, ci informiamo su cosa vedere in una città o in un certo posto, osserviamo le foto e i video di chi ci è stato prima di noi, iniziamo a immaginarci. E l’immaginazione condiziona il nostro cervello a iniziare a provare le stesse sensazioni.
    Hai mai sentito parlare del potere della visualizzazione? Ecco, qui la vedi all’opera. Se andare su Instagram senza uno scopo e vedere foto di viaggi ti mette tristezza, viceversa farlo con cognizione di causa perché vuoi organizzare un viaggio ti riempirà di anticipazione e positività.

Provare per credere!

 

Programmare il grande viaggio, quello che abbiamo rimandato troppo a lungo

Ce l’hai, vero? Non appena hai letto questa frase, ti è venuto in mente. Qual è?

percorrere la transiberiana sognoPercorrere la Transiberiana, attraversando la Russia intera, magari aggiungendoci anche la Mongolia e la Cina?
Visitare il Medio Oriente, perderti tra le sabbie del deserto e le antiche rovine di Petra?
O addirittura si tratta del grande viaggio, di quel famoso “viaggio solo andata” che sogni da anni, quel cambio vita che è stato sempre un po’ più in là di “adesso”?

Se c’è una cosa che la pandemia ci ha insegnato è che non c’è certezza nel futuro. Sembrava che tutto andasse per il meglio, che il 2020 sarebbe stato l’anno migliore di sempre…e poi è arrivato un virus, e si è trasformato in un incubo da cui fatichiamo a uscire.

È normale aver paura, è normale non riuscire a fare piani per il futuro, ma è anche importante iniziare a scrollarci di dosso la tristezza e programmare una vita che ci renda felici. Con la consapevolezza che non c’è momento migliore di ORA per organizzare ciò che continuiamo a rimandare da troppo tempo.

Organizzare un viaggio, anzi, IL viaggio che sogni da una vita, è un ottimo modo per tirarti su e darti un’obiettivo; un programma che, anche se magari non ha date definite o un biglietto aereo acquistato, ti riempia di gioia, di anticipazione, di positività.

E anche di quella giusta dose di preoccupazione positiva che circonda ogni esperienza nuova, quel sottile brivido lungo la schiena che attiva la nostra mente e ci spinge a metterci sull’attenti.

 

Non importa come, quando, in che modo…tu inizia a organizzarlo!

Non deve diventare un’altra fonte di stress. Non devi lasciarti toccare dalle notizie negative alla tv, dal non sapere quando riaprirà i confini quella destinazione che desideri visitare, dal non sapere esattamente che itinerario farai, etc etc.

Non sono i dettagli l’importante. È la forma. La decisione, la spinta che organizzare un viaggio dà alla tua mente.

  • Inizia ad acquistare e leggere la guida di viaggio di quel luogo che sogni.
  • Segui qualche blogger o Instagrammer che ti faccia scoprire i segreti del posto.
  • Segnati su un quaderno ciò che scopri e ciò che desideri visitare, inizia a buttare giù il tuo programma e a viaggiare da casa.

Il mondo tornerà, speriamo presto, ad essere quel luogo meraviglioso e ospitale che sognavamo di visitare. Il modo migliore per affrontare questo periodo è…arrivarci preparati! 😉

 

Cosa ne pensi? Quale sarà il tuo primo viaggio post-pandemia?
Faccelo sapere nei commenti!

Un abbraccio,

Ilaria

Written By
More from Ilaria Cazziol

Ha ancora senso programmare un viaggio solo andata con il Covid?

A volte faccio quasi fatica a ricordarmi com’era il mondo prima, solo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.