Enogastronomia umbra: alla scoperta dei sapori dell’Umbria

Ah, l’entroterra umbro, che bontà. Ci piace iniziare così questo viaggio che abbiamo avuto l’onore di fare alla scoperta di quell’Umbria molte volte sconosciuta ai turisti, #lumbriachenontiaspetti come giustamente l’hanno definita. Si parla di turismo enogastronomico, e soprattutto di uno di eccellenza.

Abbiamo avuto l’onore di essere ospiti del blogger tour organizzato da città della Pieve e siamo stato ospitati da aziende vinicole e agriturismi straordinari che circondano questo splendido borgo per avere l’occasione di assaggiare quello che è l’enogastronomia umbra. E ragazzi se abbiamo mangiato (e apprezzato!).

 

Enogastronomia umbra: agriturismi e ristoranti di eccellenza ad ogni angolo!

L’enogastronomia umbra è proprio un viaggio alla scoperta di sapori e tradizioni culinarie autentiche, per cui, anche se non siamo degli esperti di gastronomia, ci piace sempre raccontare delle cose che ci lasciano colpiti e non volevamo perderci questo articolo. Non si parla solo di prodotti di eccellenza ma anche di come questi arrivano sui nostri piatti. L’azienda agricola Pomario per esempio utilizza energia pulita (l’acqua, in particolare) per controllare le temperature durante la produzione del loro olio d’oliva e del vino, per cui qui “biologico” non è solo una parola ormai molto di moda ma proprio una filosofia che pervade tutta la produzione. 

A proposito di olio, pensate che per non mischiare le olive con altre provenienti da altri frantoi, hanno un loro frantoio interno così da mantenere il pieno controlla su tutta la catena produttiva. E ragazzi, si sente eccome!

E questo che ci emoziona di questa Italia, la qualità dei nostri prodotti: abbiamo girato mezzo mondo e possiamo dire che la straordinaria qualità e gli standard che abbiamo in Italia sono imbattibili e l’Umbria non è un’eccezione.

Il massimo si riesce ad avere quando si abbina storia e cibo, questa è l’Italia che amiamo, borghi storici ed enogastronomia che si spalleggiano a vicenda. Un esempio fra tutti? La cantina del Castello di Montegiove: si hai capito bene, una cantina in un castello, per cui non solo puoi dedicarti alla visita del luogo, ma dopo potrai anche goderti il meraviglioso giardino in compagnia di un ottimo bicchiere di vino che come vuole l’usanza viene fatto invecchiare in delle splendide botti di rovere.

 

Quando si mangia c’è anche da dire che l’occhio vuole la sua parte, e non parliamo solo di come vengono presentati i piatti, ma anche della location che ti ospita.  A tal proposito non c’è niente da fare, quando ci siamo recati alla tenuta Vitalonga siamo rimasti a bocca aperta.

E se la location non bastasse, ecco alcune foto dei piatti che il fantastico chef ci ha preparato.

E non dimentichiamoci del vino che non può non mancare in accompagnamento ad un ottimo piatto, infatti quest’azienda rappresenta ancora un’eccellenza d’Italia, con 20 ettari di vigneto dove tutto viene prodotto in maniera biologica.

 

Il bello dei luoghi come l’Umbria è che sanno regalare emozioni di tutti i tipi, anche molto diverse tra loro. Ad esempio l’agriturismo Il Felcino ci ha davvero stupito con la sua varietà, non solo di piatti ma anche di attività! Questo luogo offre non solo stupendi piatti fatti in casa nel massimo rispetto delle tradizioni e tanta carne di qualità eccelsa, ma anche una bellissima natura in cui è immerso. Il ruscello scorre vicino, formando piccole cascate, i bambini possono giocare al parco giochi proprio di fronte al ristorante, e gli amanti dei cavalli come noi hanno un sacco di questi splendidi animali da guardare (no, non da mangiare, dai!).

E a proposito di cavalli, il proprietario è un grande appassionato di questi animali e uno straordinario cavaliere di monta classica: è in grado davvero di far ballare un cavallo con pochi, precisi gesti! E per chi fosse interessato anche alle passeggiate a cavallo, qui ci si può perdere nelle meraviglie paesaggistiche di questa terra con il loro aiuto.

Ed è così che abbiamo trascorso 3 giorni fantastici dove non avremmo potuto chiedere di meglio, una serie di piatti e pietanze tipiche di questa terra, come la crescia a formaggio (come la chiamiamo nelle Marche, in realtà qui in Umbria si chiama torta o pizza di Pasqua!) che ci è stata servita all ristorante Ape Regina. Quando mi è stata servita mi è sembrato di tornare alle cene domenicali che faccio sempre con i miei nonni, dove in periodo pasquale questo grande classico di tutta la fascia appenninica non puoi mai mancare.

Oppure i piatti meno conosciuti come gli squisiti “gnudi di spinaci” che abbiamo assaggiato alla Locanda di Desideria: una ricetta di origine toscana, come molte cose in questa parte di Umbria così vicina a questa regione, dove tradizioni e cultura si mischiano e si arricchiscono a vicenda. Dei “ravioli senza pasta” dal sapore intenso e dall’aspetto davvero curioso per noi che non li avevamo mai provati!

 

I sapori dell’Umbria: lo zafferano di Citta della Pieve

Non siamo certo i più informati in termini di enogastronomia umbra, ma siamo rimasti davvero impressionati quando abbiamo scoperto quanto la zona di Città della Pieve sia famosa proprio per la coltivazione dello zafferano!

E ce ne siamo resi conto quando siamo entrati nel più inaspettato dei luoghi: la Casa dello Zafferano, un luogo fantastico dove abbiamo scoperto tantissime curiosità su questo prodotto così famoso e antico. Nonché dove abbiamo potuto assaggiare prodotti a base di questo ingrediente di cui non eravamo assolutamente a conoscenza, come té, liquore e olio.

È per questo che amiamo la nostra terra, dove delle persone comuni decidono di regalarci delle esperienze culinarie uniche, coltivando e gestendo ogni mimino prodotto, dove l’eccellenza è d’obbligo…e per questo non vediamo l’ora di tornare a Città della Pieve e dintorni, per assaporare questi sapori fantastici in un territorio davvero meraviglioso e ancora intatto.

Ci vieni anche tu, la prossima volta?

 

Un abbraccio,

Marco e Ilaria

Written By
More from Marco

Visitare Trolltunga: tutto quello che devi sapere

Ci sono varie cose da tenere in considerazione quando si decide di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.