Cammini in Italia come alternative a Santiago

cammini in italia alternativi a santiago

Ti sei deciso a fare un viaggio a piedi, perché vuoi provare l’esperienza e le emozioni che solo questo tipo di viaggio ti può dare? Fantastico!

Però c’è qualcosa che non va, vero? Non senti il richiamo di Santiago, e stai cercando delle alternative per poter compiere dei cammini, in Italia magari, alternativi.

Bene, ho una grande notizia: l’Italia è piena di percorsi a piedi che puoi intraprendere in alternativa al classico Cammino di Santiago, di diverse lunghezze (lo sapevi che proprio in Italia c’è il trekking più lungo del mondo?! Te ne parlo tra poco), difficoltà e storie.

Camminare è un ottimo modo per poter vivere emozioni autentiche e low cost, un mix che attrae un numero sempre maggiore di persone, turisti e viaggiatori, sia italiani che stranieri.

La possibilità di arrivare alla meta con le proprie forze, immergendosi nelle comunità locali, lontano dalle normali rotte turistiche, gioca un ruolo fondamentale in quest’epoca di turismo esperienziale. 

La nostra Italia si presta a soddisfare le esigenze più disparate e benché ognuno di questi cammini possa essere intrapreso con lo spirito desiderato, per chiarezza li dividerò in categorie:

  • Religioso
  • Storico
  • Turistico

 

L’Atlante dei Cammini Italiani per trovare un’alternativa a Santiago.

Lo Stato Italiano si è accorto di questo trend e ha iniziato a muoversi per valorizzare alternative al più famoso Cammino di Santiago, dando vita all’Atlante dei Cammini d’Italia.

E direi che sta portando avanti il lavoro alla grande! Infatti affinché uno dei percorsi possa entrare a fare parte della lista devono essere soddisfatti 11 requisiti ben precisi.

sentieroTra i punti che devono essere soddisfatti ci sono:

  • la fruibilità di tutto l’itinerario in sicurezza e la sua adeguata manutenzione;
  • la percentuale del percorso asfaltato non deve essere superiore al 40%;
  • la segnaletica deve essere chiara;
  • presenza di servizi di alloggio e ristorazione entro 5 km dal sentiero.

 

Al momento queste richieste limitano a 44 i percorsi caricati sul sito, ma ce ne sono al vaglio più di un centinaio, che se non idonei verranno sistemati e aggiunti nei prossimi anni.   

La severità nella scelta dà senz’altro la garanzia che i cammini in Italia possono essere una valida alternativa al Cammino di Santiago, senza la paura di dover passare la notte fuori o rimanere bloccati in qualche vicolo cieco.

Un’altra possibilità interessante è data dallo scegliere il Cammino in base ai POI, snodi interessanti attraverso i quali accedere ai percorsi. Possono essere città o paesi nei quali ci sono eventi in determinati momenti dell’anno, piuttosto che incroci con altri sentieri, ciclabili o linee di servizi pubblici. 

Ora direi di scendere nel dettaglio e vedere alcuni dei cammini d’Italia più famosi.

 

Cammini in Italia – religiosi

Se quella che stai cercando è un’alternativa al Cammino di Santiago, è probabile che tu sia alla ricerca di un’esperienza spirituale, in direzione dei luoghi sacri o ricalcando le orme dei Santi. 

Sul nostro territorio la scelta di percorsi di questo tipo è piuttosto varia, vista la tradizione cattolica. 

Per questo genere di percorsi anche in Italia si ha la possibilità di ritirare la credenziale che, proprio come sui vari Cammini di Santiago, permette di usufruire di strutture dedicate ai pellegrini.

Di seguito ti riporto i più famosi.

 

  • Via Francigena
  • Vie Francigene del Sud e Via Micaelica
  • Cammino d’Assisi
  • Cammino di San Benedetto

 

Via Francigena

E’ riconosciuto che la Via Francigena è l’alternativa per eccellenza del Cammino di Santiago: si tratta di un percorso che parte a Canterbury, in Inghilterra, e giunge fino a Roma. Nel corso dei secoli è stata frequentate da pellegrini che dal Nord Europa volevano recarsi a Roma.

Purtroppo, a dispetto del fratello spagnolo, non gode della stessa popolarità ed è oggi frequentata da molti meno pellegrini. La sua lunghezza e la necessità di attraversare così tanti stati non ne hanno permesso l’evolversi come un’unica via, ma piuttosto si è affermata come una via ideale, costituita da una serie di varianti di sentieri e strade.

Oggi il tratto italiano inizia dal passo del San Bernardo per poi scendere a Vercelli, Siena e giungere a Roma, in 45 tappe, dopo poco più di 1000 km. Giunto a Roma ti è possibile ritirare il Testimonium, la controparte latina della Compostela di Santiago.

cammini in italia: via francigena

Vie Francigene del Sud

Una volta arrivati a Roma molti pellegrini continuavano per il Sud Italia, alla volta dei porti che li avrebbero condotti in Terra Santa, a Gerusalemme, un altro degli snodi dei pellegrinaggi cristiani.

E’ interessante sapere che ci sono diversi di questi percorsi, che dal Lazio vanno fino in Puglia, a Bari e a Brindisi principalmente, attraversando Campania e Basilicata. 

Tra tutti il Cammino più famoso è la Via Micaelica, che da Roma porta a Monte Sant’Angelo nel Gargano, dopo circa 450 km. Questo percorso è stato ripreso a partire dai primi anni 2000 e prevede il passaggio in molti dei luoghi sacri medievali, come l’abbazia di Montecassino.

     

Cammino d’Assisi

Se invece preferisci cammini del centro Italia, potresti decidere di seguire le orme di San Francesco d’Assisi o di San Benedetto da Norcia.

Il primo dal 2007 è anche gemellato con quello di Santiago, del quale può essere considerato l’alternativa corta. 300 km divisi in 13 tappe e alla fine la consegna dell’Assisiana come attestato dell’avvenuto pellegrinaggio.

Il percorso si snoda attraverso i luoghi che hanno caratterizzato la vita di Francesco, unendo insieme alcuni sentieri per dare vita ad un trekking a volte anche impegnativo, che attraversa foreste maestose disseminate di piccoli borghi.

 

Cammino di San Benedetto

Altra alternativa corta al Cammino di Santiago è la via che unisce i luoghi della vita di San Benedetto da Norcia. 

Partenza appunto da Norcia dove il Santo nacque, per poi puntare verso sud, idealmente in cammino proprio sui passi della vita di Benedetto nel centro Italia. Dopo 300 km, per i quali si calcolano 16 tappe, giungerai all’Abbazia di Montecassino, fulcro di tutto l’ordine dei monaci benedettini.

Abbazia di Montecassino

 

Cammini in Italia – storici

Una cosa della quale possiamo essere fieri in Italia è sicuramente la storia che si respira in qualunque ambiente attraversiamo. Strade della secolare cultura romana, sentieri segnati dal passaggio di allevatori, commercianti e banditi, prima di essere utilizzati per scopi militari all’inizio del secolo scorso.

Alcuni di questi percorsi sono stati sostituiti dalle più recenti vie di comunicazione, ma se cerchi bene hai la possibilità di ripercorrere cammini d’Italia con una forte valenza storica.

Eccone alcuni: 

  • Via degli Dei
  • Sentiero della Pace 
  • Cammino Minerario di Santa Barbara

 

 

Via degli DeiCammino su strada romana

130 km di trekking, da Piazza Maggiore a Bologna a Piazza della Signoria a Firenze, percorribili in 6 giorni.

Gli Etruschi prima e i Romani poi avevano individuato in questo percorso la via migliore per attraversare l’Appennino. La strada Flaminia Militare tornò ad essere un sentiero durante tutto il Medioevo, e se decidi di camminare qui è facile che ti ritroverai a calpestare dei tratti di lastricato vecchio più di 2000 anni. 

Il nome deriva dalle località attraversate, infatti monti e paesi hanno nomi che si rifanno alla mitologia romana.    

 

 

Cammino Minerario di Santa Barbara

Nuraghe sardoPassiamo alla Sardegna, dove nella parte sud-occidentale si trova un itinerario piuttosto lungo, 400 km circa con saliscendi continui, che ti permette di percorrere gli antichi cammini minerari d’Italia.

Questa terra ricca di minerali è stata da sempre sfruttata per i suoi giacimenti. Dalla civiltà nuragica fino a un paio di decenni fa, con picchi dell’80% della quantità necessaria a soddisfare l’intero fabbisogno italiano. 

Fino a quando la competitività internazionale ha portato alla chiusura dei vari impianti di estrazione, almeno.

Ma questo ha permesso la realizzazione di un Parco Geominerario attraverso il quale si sta portando avanti questo progetto di cammino storico molto interessante.

Sebbene la valenza religiosa sia secondaria, anche qui come per il Cammino di Santiago è possibile ritirare una credenziale. Questa dà la possibilità di usufruire di sconti sul percorso e ricevere il Testimonium, che attesta il compimento dell’intero percorso.

 

Sentiero della Pace

Se invece sei interessato alla storia più recente potresti fare un pensiero su questo percorso, che attraverso una serie di cammini ripercorre le battaglie d’Italia durante la Prima Guerra Mondiale.

Realizzato a fine anni ‘80 dalla provincia di Trento è un itinerario di più di 500 km che va dal Passo del Tonale alla Marmolada, contrassegnato da una colomba. Si percorrono ex strade militari, trincee e camminamenti in ambienti che spaziano dai ghiacciai perenni alle sponde del lago di Garda. 

Ricordare gli episodi avvenuti nei luoghi che stai attraversando rende il cammino una continua scoperta invitandoti alla riflessione su cosa abbiano vissuto i nostri poveri nonni.

Non è facile percorrere questo cammino nella sua interezza, ma è interessante sapere della sua esistenza per poterne percorrere anche solo qualche tratto e tenere viva la memoria.

Trincea Grande Guerra

 

Cammini turistici in Italia

Per ultimi ti riporto alcuni dei cammini d’Italia che hanno valenza più prettamente turistica, anche se capirai subito che non si tratta di turismo di massa, anzi. 

Ce ne sarebbero molti anche qua, ma ti riporto quelli che secondo me hanno un valore aggiunto per le loro particolarità:

 

  • il Cammino delle Terre Mutate
  • il Sentiero Italia (il trekking più lungo del mondo!)
  • Selvaggio Blu

 

Cammino delle Terre Mutate

Un itinerario di oltre 200 km nell’Appennino, da Fabriano a L’Aquila, che attraversa i luoghi e le comunità colpiti dal sisma del 2009.

L’associazione Movimento Tellurico ha voluto lanciare questo progetto, per permettere alle persone di rendersi conto di cos’è successo e come la zona sia stata trasformata. Si punta anche a coinvolgere un turismo lento e responsabile che possa essere linfa per le attività dei locali, portando alla rinascita borghi via via disabitati.

Il percorso è suddiviso in 14 tappe e viene rilasciata una credenziale ad offerta libera, per poter dimostrare di aver contribuito al rilancio delle Terra Mutate.

 

Sentiero italia

Mappa sentiero ItaliaPer chiudere vorrei portarti a conoscenza di questo particolare percorso, il trekking più lungo del mondo, che fa parte dei nostri cammini d’Italia.

Proposto agli inizi degli anni ‘90, si tratta di un percorso che unisce diversi trekking preesistenti, in modo da dare vita a uno che attraversa tutte le regioni italiane.

Sono circa 7000 km che si snodano su tutto l’arco alpino da Est a Ovest, per poi passare all’Appenino da Nord a Sud e infine in Sicilia e Sardegna.

Patrocinato dal CAI che ha fatto del 2019 l’anno del Sentiero Italia, è probabile che tu ne abbia già percorso un pezzo senza neanche saperlo, perché non affrontarne altri?

 

Selvaggio Blu

selvaggio blu cammini in italiaDa molti definito il trekking più bello del mondo, da altri il più difficile 😉 torniamo in Sardegna per questo percorso pazzesco tra strapiombi sul mare e piccole vie di arrampicata.

Sicuramente non un trekking per chi è alle prime armi (almeno non nella sua interezza), da percorrere attrezzati a dovere e ben organizzati (non ci sono rifugi né ristoranti, infatti più che un’alternativa al Cammino di Santiago è proprio una cosa diversa).

Circa una settimana per percorrere 40km di impegnativi sentieri, da Pedra Longa a Cala Sisine, snodandosi sull’orlo di una falesia verticale e attraversando antichi sentieri dei pastori, mulattiere di carbonai, scale di ginepro e guglie.

Tutt’altra cosa rispetto agli altri percorsi proposti, pochi chilometri e altamente impegnativi, ma rientra a pieno titolo tra i cammini in Italia più belli e spettacolari (del mondo!).

Da quest’anno molto più regolamentato e con l’introduzione di un ticket per percorrere il Selvaggio Blu, nel bene e nel male, non perde comunque il suo fascino.

 

Bene, qualche idea sui cammini in Italia come alternativa al Cammino di Santiago adesso ce l’hai, da Nord a Sud e seguendo le tue motivazioni puoi trovare pane per i tuoi denti.

Non vediamo l’ora di sapere quale avrai deciso di percorrere nei commenti, nel frattempo buon cammino! 🙂 

 

Un abbraccio, 

Giovanni

More from Giovanni Filippi

Viaggiare, una cura per l’ansia e gli attacchi di panico

Lauren è una di quelle persone ossessionate dall’idea del viaggio: sempre a...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.