FAQ – Transiberiana e Transmongolica: come organizzarla?

transiberiana come organizzarla

Gli amanti del viaggio lento, dei percorsi via terra e dei chilometri in treno, passati con la fronte al finestrino a guardare fuori, non possono non avere un grande sogno nel cassetto: percorrere la mitica transiberiana.

In realtà, quello che molti chiamano “transiberiana” è in realtà un percorso più lungo e complesso, una tratta ferroviaria di quasi diecimila chilometri che si snoda attraverso 3 Paesi: Russia, Mongolia e Cina. Il suo vero nome è “transmongolica“, e se la transiberiana è un’esperienza pazzesca, questo diventa davvero un viaggio epico degno delle migliori avventure.

 

La transiberiana attraversa tutta la Russia in orizzontale, partendo da Mosca (o da San Pietroburgo, se si vuole partire da lì) e scorrendo come un serpente per migliaia di chilometri di steppa siberiana; costeggia il lago più profondo al mondo (il Baikal, con la sua bellissima isola Olkhon), attraversa parecchi fusi orari, e va infine a buttarsi verso il mare dall’altra parte del mondo, in Asia, in quel triangolino di terra russa che sembra abbracciare la Cina a est, terminando la sua corsa a Vladivostok. Rimane sempre in territorio russo, quindi, nonostante attraversi due continenti.

tratta transiberiana

La transmongolica invece, dopo aver inizialmente condiviso la sua corsa con la transiberiana, si tuffa in Mongolia all’altezza del lago Baikal. Da lì, attraversa la terra dei nomadi, tra cavalli e ger, striscia accanto alle dune del deserto del Gobi, e si infiltra in Cina, percorrendo gli ultimi (non pochi) chilometri fino a Pechino serpeggiando nei pressi della Grande Muraglia Cinese.

 

In entrambi i casi sono viaggi lunghi, lenti ed epici. Viaggi di riflessione, di osservazione, di immersione culturale. Di scoperta dell’altro, del linguaggio universale, della propria capacità di adattamento. Direi quasi viaggi ipnotici, mistici. Nei quali lo scorrere del tempo viene ineluttabilmente alterato. Non viaggi per tutti. Ma il viaggio più bello di tutti per chi ama viaggiare in questo modo.

Ma allora perché così pochi la percorrono? Perché, ti dico la verità, organizzare la transiberiana non è facile. Ancora meno la transmongolica, perché devi inserire due Paesi in più con la propria burocrazia e organizzazione. Cambia la lingua, la moneta, la vita stessa sui treni.

Ma soprattutto, perché ci sono tanti, troppi falsi miti su come organizzare la transiberiana e la transmongolica, e cosa significhi percorrerla.


 

I falsi miti dell’organizzare la transiberiana e la transmongolica

Uno tra tutti, il prezzo

La maggior parte della persone persone ci guarda con occhi sognanti quando raccontiamo di aver percorso questa famosa linea ferroviaria, ma poi un velo di tristezza gli attraversa lo sguardo. Dopo qualche secondo di esitazione, guardando per terra, trovano il coraggio di dire: “sarebbe un sogno…ma chissà quanto costa!“.

E lo sguardo sognante si trasforma in puro stupore misto gioia quando diciamo il prezzo. Quello vero, senza passare per intermediari. Quello onesto.

 

C’è così tanta disinformazione sulla transiberiana che ci viene il nervoso al solo pensiero.

Basta fare questa ricerca su Google per accorgersene: se fai la prova, e cerchi di trovare il sito ufficiale delle ferrovie russe, ti ritroverai a girovagare disperato tra un sito e l’altro di agenzie di viaggi dai nomi il più possibile ambigui.

Da “Transiberian Express” all’assolutamente ingannevole “Russia Trains“, tutti questi siti, nessuno escluso, sono FALSI.

O meglio, sono verissimi, ed è perfettamente fattibile acquistare i biglietti con loro. Ma pagherai molto di più, perché sono siti di agenzie di viaggio studiati a tavolino per far credere ai turisti che siano quello ufficiale.

Su questi siti troverai tutto come ti aspetteresti: la possibilità di scegliere la stazione di partenza e di arrivo, gli orari, la data, la classe. Sembrano il sito di Trenitalia. Quando poi però ti si apre la finestra con i prezzi, sorpresa: viene fuori che per organizzare la transiberiana bisogna pagare tantissimo, qualche migliaio di euro solo di treni!

Il bello è che anche molti degli stessi blog italiani che promettono di spiegarti come organizzare la transiberiana e la transmongolica, nella maggior parte dei casi, consigliano questi siti, o per disinformazione o per mancanza di aggiornamento.

Sempre questi stessi articoli che sono in prima pagina su Google, essendo ormai datati, non sono più aggiornati per quanto riguarda i cambiamenti che ci sono stati negli ultimi anni. In particolare si trovano informazioni ERRATE come:

  • il fatto che i treni in Russia siano tutti in fuso orario di Mosca (FALSO, questa politica è stata cambiata nell’estate 2018 e ora funziona come nel resto del mondo, con gli orari di arrivo nel fuso della destinazione), 
  • che per la Mongolia non serva il visto (FALSO, purtroppo la necessità del visto è stata reintrodotta nel 2017, e farlo non è nemmeno tanto semplice!).

Insomma, organizzare la transiberiana o la transmongolica diventa davvero costoso se non si sta attenti.

Se poi, al costo dei biglietti del treno, ci aggiungi quello del visto per la Russia (e per Mongolia e Cina, nel caso della Transmongolica), quello dell’alloggio, etc, allora questa ferrovia diventa degna dell’Orient Express più di lusso che ci sia!

La maggior parte delle persone a questo punto di rivolge ad un’agenzia, così da organizzarla senza impazzire a discapito del prezzo. Si presentano in aeroporto un giorno, arrivano in Russia e da lì è tutto organizzato e pronto ad attenderli.

I più avventurosi invece decidono di provarci lo stesso: comprano i biglietti su questi siti di agenzie che si spacciano per ferrovie, passano mesi a barcamenarsi con la burocrazia di 3 Paesi, e alla fine riescono a coronare il proprio sogno, ma costi abbastanza sostenuti e dopo mesi di organizzazione.

 

Quando due anni fa abbiamo deciso di cominciare il nostro viaggio a lungo termine proprio percorrendo la transiberiana, ci siamo scontrati con gli stessi problemi. Lo ammetto, stavamo per rinunciare. Poi, a furia di cercare come matti online, siamo riusciti a trovare il VERO sito delle ferrovie dello stato russe (sì, esatto, è questo!).

E abbiamo scoperto che la transiberiana e la transmongolica possono essere davvero economiche.

guida alla transiberiana e transmongolica fai da te

Da allora, abbiamo fatto di tutto per sfatare i falsi miti che girano intorno a questo viaggio.

In due anni, la nostra guida alla transiberiana e transmongolica fai da te è diventata il punto di riferimento italiano per riuscire ad organizzarla in autonomia e spendendo pochissimo.

La teniamo sempre aggiornata con i cambiamenti che avvengono e che ci segnalano i nostri stessi lettori che la percorrono.

     SCOPRI LA GUIDA   

E in questo articolo vogliamo dare una risposta a tutte le domande che ci sentiamo fare più spesso su questo viaggio, le cosiddette FAQ (Frequently Asked Questions). Dalle più assurde alle più tecniche, perché tu non abbia più dubbi.

 

E perché tu capisca che, davvero, questo viaggio può essere alla portata di tutti.

 

Tutta la verità sulla transiberiana e la transmongolica

Se hai un dubbio sulla transiberiana, è probabile che noi lo abbiamo già sentito. E che la risposta sia qui sotto. Seei pronto a sapere tutta la verità, nient’altro che la verità?

La transiberiana è un unico treno? E la transmongolica?

Una domanda che riceviamo molto spesso è proprio “ma la transiberiana è un unico treno che attraversa tutto il Paese senza mai fermarsi? O fermandosi solo in certe stazioni?“. La risposta è chiaramente no, anzi, serve proprio un cambio di prospettiva. Non bisogna vedere la transiberiana o la transmongolica come dei tour turistici fatti apposta per gli occidentali che vogliano visitare quei Paesi, anzi il contrario. Si tratta semplicemente del sistema delle ferrovie russo. Come dire Trenitalia!

Per fare un paragone, la transiberiana potrebbe essere la tratta Milano-Napoli con le ferrovie dello Stato italiane. Una linea ferroviaria utilizzata da viaggiatori, lavoratori, famiglie, anziani, etc. Senza nulla di particolarmente turistico se non la bellezza dei paesaggi che attraversa!

Lungo questa tratta corrono vari treni: c’è il Frecciarossa, i regionali, gli Intercity…ciascuno fa fermate diverse e va a velocità diverse (con costi diversi!). E chiunque decida di percorrerla può scegliere varie opzioni per farlo. 

Ecco, la transiberiana è la stessa cosa. Ma per circa 8.000km, e in territorio russo. La transmongolica è invece paragonabile a farsi Genova – Marsiglia – Barcellona in treno (moltiplicato per 10.000km). Ogni Paese attraversato avrà le sue ferrovie, le sue prenotazioni, le sue fermate. Sono 3 viaggi completamente a sé stanti, in Russia, Mongolia e Cina, ma combinati insieme diventano un’epica esperienza chiamata per convenzione Transmongolica.

Ma non è l’unica tratta possibile. Oltre a collegare la Russia alla Mongolia e alla Cina, il sistema ferroviario collega anche, grazie a treni ad alta velocità, Helsinki, Berlino, Parigi, Praga, Varsavia, Tallin e Nizza.

 

Quanto costano la transiberiana e la transmongolica?

Veniamo al sodo: costerà tantissimo, no? Cioè, se Milano – Napoli costa più di 100 euro in treno, figuriamoci percorrere 10.000km di rotaie!

In realtà, no. Anzi! In questa parte del mondo, soprattutto in Russia e Mongolia, i treni costano pochissimo. Sono Paesi enormi in cui la popolazione si sposta abitualmente per giorni e giorni in treno. E quindi i biglietti sono alla portata di tutti.

Dipende dalle scelte dei treni, fondamentalmente. Ricordi? FrecciaRossa vs regionale, sei tu a scegliere. Ma per farti un esempio REALE, perché vissuto sulla nostra pelle, ecco quanto abbiamo speso noi:

  • meno di 300€ per TUTTI i treni da Mosca a Pechino.

Esatto. Non sto scherzando! In quest’articolo trovi il dettaglio di tutti i costi che abbiamo sostenuto nei 3 Paesi e il costo finale dell’intero viaggio di 3 mesi lungo la transmongolica, inclusi visti e costi dall’Italia.

Non male, no?

 

Quando parte la transiberiana?

Di nuovo, è come chiedere quando parte il treno Milano – Napoli. Dipende!

I treni che compongono la linea transiberiana partono in diversi giorni e orari. Puoi prendere più “regionali” che facciano tutte le fermate, oppure un “FrecciaRossa” che percorra migliaia di km in una notte. Lo sceglierai in fase di prenotazione sul sito ufficiale, a seconda del tempo e dei soldi a disposizione, e costruirai il tuo viaggio in base a dove vuoi fermarti lungo il percorso.

 

Dai treni della transmongolica salgo e scendo quando voglio? Il biglietto della transiberiana è unico?

Anche questa è una delle domande che riceviamo più spesso. E ormai, dopo l’esempio di Trenitalia, dovresti poter intuire la risposta: NO!

Non è possibile salire e scendere quando si vuole tanto quanto non lo sarebbe sulla Milano-Napoli.

Dovrai acquistare e pagare una tratta intera decisa prima di salire sul treno, non è un bus turistico HopOn-HopOff, quelli rossi a due piani con la parte superiore aperta che si vedono nelle città turistiche.

Se verrai beccato a viaggiare senza regolare biglietto ci saranno conseguenze severe. Anzi, in realtà sarà quasi impossibile riuscire a salire su un treno senza il corretto biglietto: ad ogni fermata, le provodnitse ovvero i controllori, verificheranno i documenti di ciascuna persona che cerchi di imbarcarsi.

Per la Transmongolica sarà ancora più complesso, perché dovrai attraversare 3 Paesi con tanto di attraversamento di frontiera in treno e cambi da un sistema statale di ferrovie all’altro.

 

Come acquisto i biglietti della transiberiana? Posso comprare i biglietti per la transmongolica direttamente in loco?

Ci sono due possibilità per quanto riguarda l’acquisto dei biglietti:

La procedura non è semplicissima, soprattutto perché esiste la versione inglese del sito russo ma non è proprio tradotta in modo integrale, e perché ci sono mille piccoli trabocchetti che ti porteranno via molto tempo.

Ci sono 3 modi per riuscirci, quindi:

ritagliarsi molto tempo e andare per tentativi finché non si riesce a ottenere il proprio biglietto. Poi ripetere l’operazione per tutte le tratte necessarie!

affidarsi a un’agenzia o ai siti che dicevamo prima e pagare un lauto sovrapprezzo per semplificarsi la vita

comprare la nostra guida alla transiberiana e transmongolica fai da te e risparmiare centinaia di euro e ore di lavoro 😉

 

  • acquistarli direttamente in loco, tutti in una stazione oppure di volta in volta (esponendosi però al rischio di trovare pieno quello che ci interessa). Questa seconda opzione, vista la scarsa conoscenza dei russi dell’inglese, anche quando si tratta di professioni che hanno a che fare con il turismo, e le location isolate e poco turistiche in cui vi potreste trovare a passare, a mio parere è consigliabile solo per chi conosce un po’ di russo. Ma ci sono persone che lo hanno fatto interamente in loco senza conoscere una parola della lingua, quindi dipende molto da quanto uno desideri “mettersi alla prova” 😉

 

Esiste un pacchetto turistico con un unico visto per la transmongolica?

Purtroppo no, anzi: i visti sono una bella bega del percorrere la transiberiana. A meno di non affidarsi ad un’agenzia per tutta l’organizzazione, dovrai fare 3 visti diversi e 3 procedimenti diversi, stando attento ai tempi e alle date perché non scadano prima del tuo ingresso.

La Russia non è un Paese semplicissimo per cui ottenere il visto, e molte persone ci hanno scritto perché gli era stato negato.

Se poi ci aggiungi Mongolia e Cina, la cosa si complica molto! Sulla Mongolia c’è tanta confusione, e non è semplice capire come farlo.

Della Cina, poi, non ne parliamo: un visto costosissimo e difficile da ottenere in autonomia, specie se non si ha un biglietto di uscita dal Paese.

Anche di questo ne parliamo in maniera approfondita nella nostra guida, ma se vuoi ti lasciamo intanto i dettagli su come richiedere il visto per la Mongolia.

 

Come sono le cabine sulla transiberiana?

Anche questo cambia a seconda del treno che si sceglie, e soprattutto della classe su cui si decide di viaggiare. Alcuni treni avranno caratteristiche più “lussuose” di altri, così come sarebbe sui treni italiani, ma su quasi tutti ci saranno 3 classi:

  • Prima classe (“Spalny Vagon”). È la più cara ovviamente, per due persone e con 2 cuccette che sitrasformano in posti a sedere durante il giorno. Su alcuni treni c’è una doccia in comune. 

seconda classe transiberiana

  • Seconda classe (“Kupé”). Scompartimenti per 4 persone,con duecuccette sopra e due sotto. Più intimo, ma a meno che
    non siate in 4 a viaggiare insieme dovrete comunque condividere lo spazio con altre persone sconosciute. Quindi tanto vale la bellissima Platzkart!
  • Terza classe (“Platzkart”). Qui non ci sono scompartimenti chiusi, solo un vagone aperto con cuccette, in cui non ci sono né compartimenti né tende divisorie. È la soluzione meno comoda ma la più bella e integrata culturalmente, decisamente la più interessante a nostro parere.

Qui trovi la risposta a questa e tante altre domande su come si vive sulla transiberiana in questa classe!

 

La transiberiana e l’Orient Express sono la stessa cosa?

C’è tutta la differenza del mondo! L’Orient Express è un treno turistico e di lusso, mentre la transiberiana è un treno e basta. Un treno per passeggeri normali.

I cosiddetti “Orient Express” sono treni privati ed extra-lusso che percorrono solitamente una tratta che parte da Venezia e attraversa Europa e Asia, i cui costi sì sono spesso esorbitanti. Se cerchi questo, non sei sulla pagina giusta, mi spiace 😉 noi siamo più ruspanti!

 

Cosa si mangia sulla transiberiana?

Esistono i vagoni ristoranti su alcuni treni, i cui prezzi non dovrebbero essere nemmeno proibitivi, ma nella maggior parte dei casi russi e turisti si portano pranzi e cene “al sacco”.

Formaggi, pesce essiccato, carne, panini. Ma soprattutto, noodles e zuppe liofilizzati, da far rivivere con l’acqua calda sempre presente in ogni carrozza con degli utilissimi boiler! Ad ogni fermata sulla banchina troverete venditori di ogni sorta, se quanto avete portato non bastasse.

cosa si mangia sulla transiberiana

C’è internet sulla transiberiana/transmongolica?

No, non c’è una linea del treno che permetta di connettersi ad internet. È però possibile fare SIM locali con dati a disposizione nei vari Paesi che la transmongolica attraversa. Occhio alle fregature però, e non contate di avere una connessione sempre a disposizione: passerete molte ore nel mezzo del nulla, persi nella steppa, e lì avere internet sarà quasi impossibile.

 

C’è la doccia sui treni della transmongolica?

Tecnicamente no, a parte su certi treni in prima classe. Di solito non si fanno mai più di 24/48 ore di treno, durante le quali ci si lava e rinfresca con le salviettine umidificate. La doccia la si farà in albergo quando si fa qualche fermata! 

 

Quanto ci vuole a percorrere la transiberiana e quanto per la transmongolica?

Dipende! Dipende da quante fermate si vogliono fare, che treni si scelgono, etc. 

Tecnicamente, percorrere tutta la Transiberiana da Mosca a Vladivostok dura una settimana senza mai scendere. Ma non vedo perché qualcuno dovrebbe voler fare una cosa del genere. Per percorrere la transiberiana con qualche fermata nel mezzo e un ragionevole margine di tempo, 2 settimane sono il minimo.

Per la transmongolica, almeno 3 o 4.

In questo articolo spieghiamo meglio quanto tempo ci vuole idealmente per percorrere transiberiana e transmongolica.

 

La transiberiana è turistica?

Contrariamente a quanto pensassimo, visto la sua fama, abbiamo constatato che no, non lo è affatto!

Come dicevo non è un treno turistico, è un mezzo di trasporto per persone normali che vogliono attraversare il Paese per qualsivoglia motivo. Come da noi è tipico che una persona si faccia Napoli-Milano per vedere la famiglia giù e lavorare su, in Russia è normale che ci siano persone che hanno famiglia a Vladivostok e lavorino a Mosca. E indovina quale mezzo di trasporto utilizzeranno per fare questo viaggio?

Certo, la nostra esperienza si limita quasi totalmente alla terza classe. E in terza classe abbiamo conosciuto davvero pochi turisti (un rapporto di 1 ogni 20 passeggeri russi, direi!). Nelle altre classi sicuramente il rapporto diminuisce a favore dei turisti 🙂

La transiberiana è pericolosa?

Assolutamente no! Certo, è un treno, e come tale non sarebbe saggio lasciare incustodito il proprio bagaglio troppo a lungo. Ma con i controllori a verificare i documenti ad ogni fermata, è difficile che un malintenzionato salga sul treno. La cosa più pericolosa sarà il russare di qualche vicino, credeteci 😉

 

Cos’è la “transiberiana d’Italia”?

La transiberiana d’Italia è un viaggio storico in treno il cui nome è stato coniato sull’onda dell’aura “mitica” della vera transiberiana. Copre la tratta Sulmona-Carpinone-Isernia, tra Abruzzo e Molise, e si snoda attraverso i meravigliosi panorami del nostro Paese. Per distanze coperte e tipologia di viaggio, però, è più simile al trenino rosso del Bernina se vuoi, che alla transiberiana. Ma qualche furbacchione che ne sa a pacchi di marketing ha pensato bene di utilizzare quel nome…et voilà! 🙂

 

 

Tutte le informazioni dalla A alla Z per vivere questa straordinaria avventura, organizzate in maniera chiara e completa per farti risparmiare tempo e fatica, le trovi nella nostra guida qui sotto. 

     SCOPRI LA GUIDA   

In questo articolo abbiamo voluto fare una raccolta di tutte le domande sulla transiberiana che ci venivano in mente, perché tu possa avere un’idea più chiara di questo viaggio.

Hai una domanda che non è tra queste? Lasciacela nei commenti, ti risponderemo e la aggiungeremo a questa lista! Scriviamo insieme la transiberenciclopedia? 😉

E se per caso noi non sapessimo rispondere, abbiamo creato apposta una community su Facebook in cui puoi fare queste domande!

Un abbraccio,

Ilaria e Marco

Written By
More from Ilaria Cazziol

Il segreto della felicità sta nella scarsità di chi la insegue

A volte la vita inizia a mandarti dei segnali. O forse, succede...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.