Comprare i biglietti per la Transiberiana in autonomia

treno Transiberiana

Ebbene sì: comprare i biglietti per la Transiberiana online prima di partire, senza affidarsi ad un’agenzia e senza parlare russo, è una cosa perfettamente fattibile (nonché probabilmente necessaria, se come noi deciderete di affrontare questo viaggio in alta stagione, ovvero tra giugno e settembre).

Ma non mentiremo, non è impresa facile. Questi russi sembrano averle studiate tutte per non rendere semplice il processo di organizzazione di un viaggio sulla Transiberiana, alla faccia del turismo di massa del ventunesimo secolo. Alcuni esempi?

  • i treni sono tutti indicati secondo il fuso orario di Mosca, nonostante da una parte all’altra della Russia ci siano svariate ore di differenza. Ogni singolo orario che troverete sarà quindi diverso da quello reale, il che significa non solo che rischierete facilmente di prendere un treno in piena notte pensando di averlo prenotato per le 4 del pomeriggio, ma anche che potreste facilmente sbagliarvi con il conteggio dei giorni…
  • la difficoltà del sistema di traduzione automatica del sito delle ferrovie statali vi farà rimpiangere di non aver studiato russo in qualche momento della vostra vita.
  • la sfida massima, quella su cui ovviamente ci siamo imbarcati noi, è poi la Transmongolica – che aggiunge quindi problemi di visti multipli, cambi, valute, siti diversi, e chi più ne ha più ne metta.

Ammettiamolo, lì fuori è pieno di agenzie viaggi che si proporranno di organizzare tutta la tratta per voi, addirittura saranno agenzie i primi risultati di Google che troverete scrivendo “Transiberiana”. Anzi, vi sfidiamo a trovare il sito ufficiale delle ferrovie russe invece di qualche agenzia (ma non preoccupatevi, ve lo daremo noi tra poche righe!).

Ma nessuno fa nulla per niente, come si suol dire, e se non vi basta la consapevolezza che affidare l’intera organizzazione del vostro viaggio attraverso il continente asiatico ad un’agenzia sarebbe un po’ riduttivo, considerate almeno che in media queste vi farebbero giustamente pagare qualcosa tra 30 e il 50% in più.

Vi sembra una motivazione sufficiente? Bene, se è così, leggete di seguito per avere qualche consiglio su come comprare i biglietti per la Transiberiana comodamente seduti nel vostro salotto, senza parlare una parola di Russo e con il minimo sforzo (che è comunque uno sforzo notevole, ma ormai l’avevate capito).

Per cominciare: dove si va?

In teoria, non dovreste comprare i biglietti per la Transiberiana se non dopo aver ottenuto il visto per la Russia, e sempre in teoria per ottenerlo dovreste aver compilato molte scartoffie, tra cui un foglio in cui elencate tutte le tappe del vostro viaggio. Ecco, se avete fatto bene quella parte, allora dovreste aver già deciso dove fermarvi durante il vostro viaggio sulla Transiberiana.

La nostra tratta, abbastanza classica, prevede:

  • Mosca
  • Ekaterinburg
  • Novosibirsk
  • Irkutsk – lago Baikal – isola di Olkhon (altra storia, bisogna prendere un treno separato da Irkutsk)
  • Ulan Ude – bus per Ulan Bator in Mongolia (ci mette meno del treno ad attraversare il confine e costa la metà – rimandiamo ad un post successivo l’acquisto dei treni per la parte mongola e cinese!)

 

Non posso comprare i biglietti per la Transiberiana direttamente in loco e scendere dove mi ispira al momento?

No, non potete salire e scendere come volete, non è una metropolitana! Ogni treno ha la sua prenotazione (per nostra e vostra fortuna, da un po’ di tempo con possibilità di ottenere e-ticket da stampare direttamente), i treni si possono prenotare a partire da circa 60 giorni prima della partenza, e al momento della prenotazione dovrete scegliere accuratamente il vostro posto (ovvero il vostro letto).

Se viaggiate in bassa stagione potete sempre decidere di non comprare tutti i biglietti in anticipo, ma resta vero che non potrete “lasciarvi guidare dal cuore” perché non funziona proprio così.

Per farvi un esempio, noi abbiamo acquistato i nostri biglietti la prima settimana di giugno per un viaggio che inizia la seconda settimana di luglio, e già molti posti erano stati acquistati (ci siamo beccati il posto vicino al WC in almeno due tratte, vi faremo sapere quanto questo sia una fortuna o una sfortuna…#StayTuned!). Visto che in alta stagione la probabilità che i treni siano tutti pieni è alta (considerate che non è una tratta turistica, un sacco di Russi si muovono per le vacanze), l’acquisto con largo anticipo è altamente consigliato!

 

Ma dove acquistare questi benedetti biglietti?

Vedrete che non è così facile, dal sito delle ferrovie russe si finisce da tutt’altra parte cliccando sulla bandierina inglese in alto, quindi fate un favore a voi stessi e seguite direttamente questo link per comprare i biglietti in inglese  per la transiberiana (se così si può dire).

Inserite la prima tratta (ad esempio, Mosca – Ekaterinburg), data e orario e cliccate per procedere. Fin qui è semplice no? Bene, la pacchia è finita.

Vi troverete davanti la tipica schermata Trenitalia-style con tutti i treni che in quella data percorrono quella tratta. E già inizierete a comprendere come la traduzione in inglese sia più una presa in giro di facciata che un utile strumento, perché vi troverete davanti un muro di testo in Russo. Per fortuna esiste Google Traduttore e con un veloce copia incolla scoprirete che vi da informazioni (peraltro, inutili) sull’e-ticket.

Sembra molto complicato per come è scritto, ma la verità è che almeno questo sembra essere semplice: ogni treno su cui vedrete un simbolino di un biglietto con una @ ha disponibile la modalità e-ticket, che vi permette di stampare e mostrare direttamente il foglio che otterrete alla fine della prenotazione online. Ottimo, no?

Le altre indicazioni utili date da quel testo sono che il prezzo cambia a seconda del posto scelto (in alto o in basso), ma a parte questo potete proseguire senza darci troppo peso.

Di inglese ce n’è ben poco anche nelle schermate sotto ma dovreste riuscire a capire dal russo quel minimo indispensabile: orario di partenza e di arrivo (ricordatevi, è tutto in orario di Mosca), data (meno male che almeno i numeri sono uguali!), e in basso a sinistra anche il prezzo. Cliccando su quel bottone rosso, appariranno  le diverse opzioni di sistemazione nel vagone. Vi appariranno solo quelle ancora disponibili, e potrete scegliere tra Нижние (inferiore) e Верхние (superiore).

 

Ma quanto costa ‘sta Transiberiana?

I prezzi ovviamente cambiano a seconda che scegliate di comprare i biglietti per la Transiberiana dormendo in:

  • terza classe (Плацкартный), il classico carro bestiame dell’immaginario collettivo, dove teoricamente l’esperienza culturale è massima e la comodità e minima…la nostra scelta, neanche a dirlo!
  • seconda classe (Купе), un po’ meno carro bestiame, cabine da 4 letti condivise…ma a meno che non siate un gruppo che viaggia insieme, tanto vale il carro bestiame no?)
  • prima classe (con diversi nomi a seconda dei treni e del livello di comfort)…che dire, se potete e volete permettervelo, una figata anche solo per provare, ma il costo chiaramente raddoppia.

Per darvi un’idea, scegliendo sempre la terza classe siamo riusciti a comprare tutta la tratta Russa della Transmongolica, da Mosca a Ulan Ude, per 177 Euro a testa. Il volo per Mosca dall’Italia lo abbiamo pagato 200. Come la vedete?

 

Per proseguire nell’acquisto, dovrete registrarvi al sito.

Per farlo cliccate sul pulsante rosso in alto a destra di fianco al simbolo delle bandiere (se cliccate di nuovo sulla bandiera inglese lo vedrete meglio). Questa parte è facile, una volta ricevuta la mail di conferma e attivato l’account potrete procedere all’acquisto del biglietto, vi verra richiesto di inserire i dati personali per ogni singolo passeggero.

Qui sotto trovate la stessa schermata con tradotti tutti i dati da inserire (scusate il disguido ma nome e cognome sono invertiti); in caso non abbiate un secondo nome e non vi lasci proseguire senza inserire qualcosa, ripetete il vostro primo nome.

Schermata_7_Trasniberiana

selezionate realmente i posti che desiderate e proseguite con il pagamento con la vostra carta di credito. Alla fine dovreste ottenere:

  • 1 ricevuta di pagamento con conferma dei dati
  • 1 biglietto elettronico, con tanto di codice a barre identificativo, che dovrete mostrare al personale di bordo, simile a quello che vedete sotto:

comprare i biglietti per la transiberiana

Incredibile ma vero, a questo punto avrete in mano il vostro biglietto, perché sarete finalmente riusciti a comprare i biglietti per la Transiberiana da soli! Ci avreste mai creduto? Noi no, sinceramente 😉

 

Non certamente facile ma nemmeno difficile, dai. Ecco però un altro paio di tips per premiare voi pochi selezionati eletti, che siete arrivati a leggere fino in fondo questo utilissimo ma lunghissimo testo:

  • molte parti di testo sul sito appaiono solo quando ci si passa sopra il mouse, e sono impossibili da copiare (e incollare su Google Translate). Abbiamo di recente scoperto un metodo fantastico per affrontare questo problema: l’applicazione mobile di Google Translate stesso ha una delle funzioni più utili della storia, ovvero la possibilità di fare una foto a un testo e di farselo tradurre così! Straordinario, vero? Ecco, soluzione trovata (non solo per questo problema, tra l’altro).

 

  • per non confondervi sul numero dei giorni e sugli orari di partenza e arrivo dei vari treni, con il conseguente rischio di bucare brutalmente le date di uscita dalla Russia riportate sul visto, vi consigliamo di creare una tabella su Excel in cui riportare esattamente tutte le informazioni, compresa la conversione nella data e ora locale invece che quell’inutilissimo orario di Mosca. Per darvi un’idea, questo è quello che abbiamo creato noi per il nostro viaggio:

 

Cosa ne pensate? Come vi siete organizzati voi? Se avete domande, dubbi, o se l’avete già fatto e volete condividere la vostra esperienza per far sapere a tutti i viaggiatori come noi a cosa stanno andando incontro, lasciate un commento e raccontateci tutto!

Noi siamo pronti…e voi?

 

Un abbraccio,

Ilaria e Marco

More from Ilaria Cazziol

Cogito ergo viaggio, ovvero perché fare un viaggio solo andata

Ci sono infinite risposte alla domanda “perché fare un viaggio solo andata”,...
Read More

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *