Ereader da portare in viaggio, quale scegliere?

ereader viaggio

Se il cane è il miglior amico dell’uomo, il libro è il miglior amico del viaggiatore, non c’è dubbio.

Ti sta vicino mentre dormi, è pronto appena apri gli occhi, si lascia coccolare ogni volta che hai bisogno di sfogare lo stress accumulato e ti porta in luoghi che non avevi mai visto prima, ma soprattutto… non sbava!

Sì, stavo parlando del libro! 😛

Ma come fare a non abbandonarlo quando stai per partire e non puoi permetterti di mettere nello zaino altro peso? Magari per un viaggio a lungo termine, nel quale ne divorerai parecchi e magari avrai voglia di leggere cose diverse a seconda dei momenti?

La soluzione si chiama eBook reader, per gli amici eReader: questa meraviglia del ventunesimo secolo permette di portare in viaggio con te tutti i libri che desideri, pesando solo come uno di loro! Anche meno, se sei un amante dei bei mattoni a copertina rigida.

Il libro cartaceo mantiene il suo fascino intramontabile con le emozioni che richiama, dall’inalare il suo profumo, specialmente quando è nuovo, al soffice rumore delle pagine, che come ali ti portano in un altro mondo ogni volta che lo sfogli.

Se però bisogna fare una scelta efficace, necessariamente l’eReader è un compagno di viaggio più appetibile.

E c’è di più: alla fine della lettura scoprirai metodi alternativi per l’utilizzo di questo dispositivo ai quali probabilmente non avevi mai pensato, ma che ti saranno molto utili in viaggio!

Partiamo dalle basi.

ereader in viaggio - libro digitale e cartaceo

Che cos’è un eBook Reader o eReader?

Semplicemente, è un lettore di libri elettronici.

È ormai chiaro che anche il mercato dell’editoria guarda sempre più al digitale, con eBook venduti per pochi euro da diversi canali di distribuzione e per chi predilige questo genere di formato, un tablet o uno smartphone non sono assolutamente sufficienti.

Ciò che rende un eReader così necessario per chi divora libri è la tecnologia dello schermo, denominata e-ink, che ha lo scopo di rendere il dispositivo il più possibile simile ad un foglio di carta.

La luce non arriva da dietro lo schermo, ovvero perpendicolarmente, come avviene in un LCD normale, ma è orizzontale ad esso; questo ti permette di non affaticare la vista, perché non ci sono lampadine che puntano verso i tuoi occhi.

In cambio di questa simil carta è necessario arrivare a compromessi con altre caratteristiche, ma in fondo quello che vuoi è poter leggere per ore senza dover sacrificare la tua vista, no?

 

Ecco alcuni elementi da tenere quindi in considerazione per la scelta del tuo eReader da viaggio:

Sovrailluminazione

I primi lettori di ebook erano davvero come un libro stampato, impossibili da leggere senza una fonte di luce naturale o artificiale.

Il progresso ha portato una soluzione: con l’aggiunta di una sovrailluminazione è ora possibile leggere al buio e regolare la luminosità sotto il sole, una cosa davvero utile in viaggio.

Se non pensi questo sia un aspetto necessario, esistono ancora in commercio eReader senza questa funzionalità: sono generalmente gli entry-level, con un costo che sta ampiamente sotto il centinaio di euro.

 

E-Ink

L’inchiostro digitale è la tecnologia alla base di questo dispositivo; non affatica la vista, ma presenta il problema del ghosting: la permanenza di lettere della pagina precedente su quella successiva.

È possibile impostare un refresh automatico della pagina ogni 5-10 sfogliate, se si sceglie la vecchia soluzione, mentre con il supporto alla nuova e-ink Regal questo numero aumenta drasticamente, salendo intorno alle 100; il che si traduce in una maggior scorrevolezza di lettura.

Questa implementazione è compresa in tutti gli eReader di nuova generazione, aventi tecnologia e-Ink Carta, che ha anche visto aumentare il contrasto rispetto alla vecchia e-ink Pearl.

 

File supportati

Siamo alla nota dolente: chi legge cosa e come? Bene, in linea generale ci sono gli strumenti per fare più o meno tutto quello che desideri, app come Calibre ti permettono di convertire file per renderli compatibili con i diversi sistemi, ma puoi già fare una macro-distinzione all’inizio.

Se sei un affezionato Amazon, al quale va probabilmente il merito per la diffusione degli ebook da qualche anno a questa parte, la gamma Kindle è quella sulla quale ti devi indirizzare.

La libreria è decisamente vasta e ovviamente l’e-commerce lo conosciamo tutti, ma il suo sistema è chiuso, ottimizzato solo per i titoli di sua proprietà, il formato Mobi.

Se al contrario sai già che la tua collezione sarà più eterogenea, allora meglio andare da subito su eReader più accondiscendenti alla lettura di file di diversi formati, ePub su tutti.

 

Tutti gli eReader sono in grado di supportare PDF, benché nessuno abbia un’ottimizzazione particolare per questo formato, il che ne rende la lettura non particolarmente fluida su questi dispositivi (magari le immagini possono essere tagliate, ad esempio).

 

Per quanto invece riguarda formati fumetto (CBR e CBZ), i dispositivi Kobo sono gli unici ad essere ottimizzati per la lettura.

Impermeabilità

Caratteristica che incide sul prezzo, ok, ma stiamo parlando di eReader da viaggio: in spiaggia o vicino ad un laghetto, sicuro che non ti vorrai rilassare in quell’acqua con il tuo libro preferito tra le mani?

 

Risoluzione

La richiesta di riprodurre solo testo ha tralasciato evoluzioni in ambito di risoluzione, che resta generalmente bassa (massimo 300 PPI), ma è pur sempre un eReader, quindi è più che sufficiente!

I dispositivi più economici si aggirano intorno ai 150-160 PPI, ne guadagna il prezzo ma ovviamente ne perde la qualità.

 

Dimensioni e tasti fisici

Generalmente lo schermo di un eReader si aggira intorno ai 6”, che è buona cosa per il viaggio, ma se pensi di dover leggere molti PDF, forse il formato da 6,8” potrebbe essere una scelta migliore.

Per quanto riguarda i tasti fisici, meglio prediligere la compattezza e il risparmio: il touch screen è più che sufficiente e solo i top di gamma presentano questo optional.

 

Pocket

Si tratta di un’estensione per i motori di ricerca, grazie alla quale è possibile salvare articoli, video e qualunque cosa tu possa trovare sul web per la quale non hai tempo in quel momento: con questo ‘segnalibro’ ti sarà possibile rivederli successivamente.

Gli eReader Kobo sono gli unici lettori che hanno la possibilità di sincronizzare questi segnalibri, caratteristica da non sottovalutare per un lungo viaggio nel quale è utile avere un po’ di materiale offline da leggere.

 

Quale eReader per il viaggio?

Ora che hai chiaro quali sono le caratteristiche che contraddistinguono questo dispositivo, veniamo all’analisi dei prodotti in commercio.

Di tutte le caratteristiche presentate prima, probabilmente le più importanti per un viaggiatore sono:

  • la sovrailluminazione, per leggere anche durante i lunghi spostamenti notturni;
  • la compattezza, se la tua vita deve stare in uno zaino, allora anche la tua libreria è meglio che si adatti  
  • l’impermeabilità, vuoi poterlo usare ovunque no?

Ma anche il costo non è un aspetto da tralasciare, quindi ti saranno presentati per fascia di prezzo, in modo che tu possa valutare dove andare a scegliere.

 

EReader con prezzo inferiore a 100€

Sono i dispositivi entry-level, si parla di schermo da 6”, risoluzione tra i 150 e i 170 PPI e niente impermeabilità.

Kindle

Si parte dal base della famiglia Amazon, ma che in realtà tanto base non è: nella nuova versione 2019 presenta la sovrailluminazione tanto cara al viaggiatore notturno.

Inoltre è davvero il più piccolo eReader esistente, si tiene facilmente con una mano e può essere portato ovunque anche senza lo zaino.

Questi fattori lo eleggono senza indugi a re di questa fascia.

 

 

Tolino Page

Se proprio invece non ti va a genio il sistema Amazon, allora bisogna andare su questo prodotto, probabilmente ancora semi-sconosciuto in Italia, ma che per rapporto qualità-prezzo sta emergendo facilmente.

Non è dotato di sovrailluminazione, quindi sceglilo solo nel caso tu sia sicuro di aver sempre a disposizione una luce esterna!

Si basa su un sistema operativo Android e la casa madre ti mette a disposizione 5 GB di Cloud per i libri.  

Il connettore micro-USB per la ricarica è chiuso da uno sportellino: a prima vista questa sembrerebbe non essere una scelta felice, ma per un viaggiatore potrebbe significare la salvezza da qualsiasi sporcizia indesiderata.

 

EReader con prezzo inferiore a 150€

Qui la battaglia si fa più serrata e la scelta sarà tra impermeabilità e ComfortLight, con dimensioni ancora contenute in schermi da 6”

Kindle Paperwhite

Kindle Paperwhite

 

Questo è l’eReader impermeabile più economico, ottimo se vuoi partire per il tuo viaggio nell’ecosistema Amazon.

Non c’è la possibilità di inserire una scheda SD esterna, ma all’atto dell’acquisto si può scegliere tra la versione da 8 GB o 32 GB.

 

 

 

 

Kobo Aura 2nd Edition e Kobo Clara HD

Kobo Clara HD

I diretti concorrenti del Paperwhite sono i due Kobo, che si differenziano per pochi euro l’uno dall’altro. Per quel prezzo il Clara HD presenta:

  • Comfort Light Pro: una modalità che permette di regolare la temperatura della luce, in modo da ridurre la luce blu molto dannosa per il sonno e permetterti così di leggere anche poco prima di andare a dormire.
  • 8 GB di spazio invece di 4 GB (è verso che già con questa ci stanno circa 6000 libri, ma perché accontentarsi)
  • Risoluzione di 300 PPI, contro i 212 dell’Aura
  • Peso inferiore

 

Ciò che fa vincere il confronto al Paperwhite è l’impermeabilità: nessuno di questi 2 Kobo presenta questa caratteristica e per averla bisogna passare alla fascia di prezzo successiva.   

 

EReader con prezzo inferiore a 200€

Non ci sono Kindle in questa fascia, che è invece riservata ai concorrenti che non hanno ancora integrato l’impermeabilità sui prodotti di fascia più bassa.

Kobo Aura H2O 2nd Edition

Kobo Aura H2O 2nd Edition

 

Uno schermo più grande rispetto a quelli visti finora, 6,8”, implica una riduzione della risoluzione a 265 PPI e un aumento di peso, superiore ai 200 g.

Il che implica non sia l’eReader di prima scelta da portarsi in viaggio, ma se sei uno più stanziale sono aspetti trascurabili, confrontati alla miglior esperienza di lettura.

E non dimenticare la ComfortLight Pro, caratteristica unica dei Kobo, che migliora il sonno dopo la lettura.

 

 

Tolino Vision 4 HD

Si torna ai 6”, con l’implementazione, oltre all’impermeabilità, del sistema di avanzamento Tap2Flip, ovvero la possibilità di sfogliare le pagine con una leggera pressione sul retro del dispositivo.

Questo aspetto può essere molto utile se si è in viaggio, costretti a tenere l’eReader con una mano sola e avere una presa solida.

Come il suo diretto concorrente utilizza un sistema di illuminazione SmartLight, che permette di modificare la tonalità della luce, riducendo i toni freddi che infastidiscono gli occhi.

 

 

EReader top di gamma

Qui ci sono davvero i migliori dispositivi in circolazione, che però non è detto siano eReader adatti al viaggio: per prima cosa sono più ingombranti e poi decisamente più costosi, per caratteristiche che probabilmente non verranno neanche apprezzate appieno.

Entrambi presentano tasti fisici per il cambio pagina e sono impermeabili.

Kindle Oasis

Kindle Oasis

 

Schermo da 7”, ma che riesce a mantenere una risoluzione di 300 PPI fa capire che la qualità si paga.

Si tratta di un Kindle già un po’ datato, alla sua uscita era il primo impermeabile della serie, ma se è ancora qui probabilmente è perché i lavori sono stati fatti bene.

 

 

 

Kobo Forma

Kobo Forma

Schermo da 8”, che è molto utile nella lettura per esempio di fumetti e presenta la possibilità di ruotare lo schermo in orizzontale, in modo da non dover zoomare per esempio i PDF, un’azione purtroppo non prevista su qualsiasi altro eReader.

Ancora una volta la ComfortLight Pro è quel valore in più che i Kindle ancora non hanno implementato.

 

 

 

 

 

Bonus: usi alternativi di un eReader

Bene. Sei in viaggio, hai il tuo eReader…ma perché limitarti ad usarlo come biblioteca virtuale?

Sicuramente sarai abituato a caricare tutti i tuoi documenti di viaggio, i biglietti e le carte d’imbarco sul cellulare, ma perché non caricarli qui sopra?

Schermo più grande, leggibilità migliore da parte dei lettori di codice, una batteria più longeva… non ci avevi mai pensato eh?

E a proposito di mappe: il GPS dello smartphone è davvero comodo, chiaro, ma quanto riesci ad utilizzarlo prima che si scarichi?

Da viaggiatore potresti pensare di tornare alle vecchie care cartine cartacee, e indovina un po? Adesso anche quelle sono digitalizzate e puoi caricarle sul tuo eReader.

Ok, su questi dispositivi non è presente il GPS, ma avere delle mappe digitali senza la paura di rimanere a secco di batteria non è assolutamente un’opzione da sottovalutare.

Puoi crearti la tua mappa personalizzata o usarne già di pronte, per esempio su eBook Maps ne trovi diverse.

 

E tu, quale eReader ti ha accompagnato o ti sta accompagnando durante il viaggio e quali sono gli usi alternativi che ne fai?

 

Un ultimo consiglio: se ti stai preparando per un bel viaggio e ti compri un eReader nuovo, probabilmente ti interesserà conoscere la nostra lista di libri sul viaggio che ci hanno cambiato la vita, ma anche quelli di crescita personale che ci hanno supportato nel lavoro e nel nomadismo digitale.

 

Un abbraccio,

Giovanni

More from Giovanni Filippi

Dare una svolta alla propria vita è un’abitudine: Will Hatton

‘Ciao, sono Will Hatton, avventuriero e imprenditore!  Picchi gelidi e giungle fumanti,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.