Alternative a Workaway (gratis e non!) per viaggiare in cambio di lavoro

workaway free

Chi ci segue da un po’ lo sa: amiamo follemente viaggiare con il work-exchange. È stato uno dei motivi per cui abbiamo scoperto il viaggio a lungo termine, e ci ha permesso di vivere esperienze incredibili come stare con i nomadi in Mongolia e nel deserto in Giordania.

Se invece non ci segui da molto, forse ti starai chiedendo cosa sia. Be’, il work-exchange, anche detto “viaggio di scambio”, anche detto volontariato, che in generale significa “lavoro in cambio di vitto e alloggio”.

Noi abbiamo sempre usato in particolare una soluzione ben nota: Workaway, di cui abbiamo parlato tanto in diversi articoli.

È un modo pazzesco per viaggiare low cost, anche gratis volendo, perché si scambiano ore di lavoro con vitto e alloggio. E i lavori possibili sono spesso fighissimi!

Abbiamo parlato di come funziona Workaway nel dettaglio in diversi articoli, e probabilmente sul nostro sito troverai tutto ciò che vorresti sapere.

 

Ma…c’è un ma. E il “ma” è che viaggiare con Workaway sta diventando molto difficile.

Certo, sulla piattaforma ci sono tantissimi host, ma sembra che la stragrande maggioranza di quelli che offrono delle esperienze interessanti siano sempre pieni o non rispondano alle mail.

Per persone come noi che fanno fatica a organizzarsi con largo anticipo, viaggiare con Workaway sta iniziando a diventare difficile perché passiamo tanto tempo a cercare e contattare gli host, e ci sentiamo rispondere che sono pieni fino all’anno prossimo un po’ troppo spesso.

Per questo, nell’ultimo periodo, ci siamo messi a cercare delle alternative a Workaway, dei siti di scambio di lavoro in viaggio (in inglese, work exchange), che fossero meno affollati e quindi, si spera, più facili. E magari anche più economici, cercando addirittura delle alternative a Workaway gratis.

E come al solito, dalle nostre scoperte abbiamo deciso di trarre un articolo!

La prima alternativa a Workaway che ti presentiamo ci è davvero piaciuta tantissimo, come leggerai tra poco, per un sacco di motivi…

 

Workaway vs Worldpackers: il bello del work-exchange con il supporto dell’agenzia!

worldpackers come funziona

Worldpackers è un sito davvero interessante. Quando ho iniziato a frequentare Workaway nemmeno esisteva (è nato nel 2013), oggi invece è diventato una piattaforma ricca e completa, che sembra aver imparato dagli “errori” di Workaway per migliorarsi e potenziarsi.

Devo dire che è fatto davvero bene, con una veste grafica anche più bella e curata di Workaway (che pur negli ultimi anni ha fatto passi da gigante in termini di user experience!). Ha una sua app, anche questa fatta molto bene e perfetta per chi viaggia a lungo termine utilizzando lo scambio di lavoro.

Worldpackers è gratuito per utilizzarlo passivamente (creare un account ed essere contattati), ma poi diventare davvero membri non è economico: costa 49$ all’anno, sia che viaggi da solo sia che si viaggi in due.

Con Workaway ci sono due tipi di account: costa rispettivamente 42$ (circa 36€) per quello singolo e 54$ (circa 47 euro) per quello di coppia (costo che si divide quindi in due, a patto di viaggiare sempre insieme). Quindi teoricamente, soprattutto se si decide di optare per quello di coppia, Workaway è più conveniente, ma con Worldpackers non sembrano esserci grossi ostacoli a viaggiare in due con un solo account, il che rende più conveniente in realtà WorldPackers.

 

E poi a maggiore costo, in questo caso, sembra equivalere maggior beneficio.

Continua a leggere, perché ciò che promette WorldPackers è molto interessante e soprattutto…c’è un REGALO PER TE tra qualche riga! 😉

Worldpackers ha un grosso vantaggio: vuole assolvere molto di più al ruolo dell’agenzia, di quanto Workaway non faccia. Con Workaway sei un po’ abbandonato a te stesso: contatti gli host in autonomia e se hai bisogno di aiuto, speri che la cosa si risolva alla svelta. Non c’è un servizio di customer care, perché in realtà a Workaway non interessa. Loro fanno solo da tramite.

 

Invece WorldPackers sembra essere più attento, in questo senso. Nel costo è inclusa una sorta di assicurazione (non un’assicurazione di viaggio, che non può comunque mancare, ma una sorta di garanzia di posizionamento: se hai problemi con gli host, ti aiutano a risolvere e ti pagano un alloggio per qualche giorno, nel mentre). Non male come servizio!

In più, il customer care è sempre attivo e disponibile (anche ad aiutare a trovare gli host giusti), sia quello ufficiale che la rete di “ambassadors” che rispondono alle domande degli utenti in virtù del loro amore per la piattaforma!

Le esperienze presenti stesse, quindi, sono in qualche modo filtrate e verificate da loro prima di essere inserite sulla piattaforma, il che aggiunge un elemento di sicurezza in più (che non guasta!).

Il database è un po’ più contenuto di quello di Workaway, ma comunque esteso. Su WorldPackers sembra che ci siano attualmente, a gennaio 2019, più di 5.000 opportunità di work-exchange in tutto il mondo. Su Workaway sono…ehm…36.610. Ma se su WorldPackers è effettivamente più semplice trovare davvero posto da un host, allora forse meglio la qualità che la quantità.

Sicuramente il modo in cui è strutturato WorldPackers è molto interessante: prima ti chiede quali sono le tue attitudini e le cose che vuoi fare, poi ti mostra gli host.

I filtri sono molto sviluppati, permettendoti anche di filtrare per durata del periodo (ed è possibile stare per periodi più brevi, anche pochi giorni), cosa che ho sempre desiderato per Workaway.

Inoltre le pagine delle esperienze su Worldpackers (come questa, per esempio) sono davvero fatte bene, schematiche e ricche di simboli, senza quelle lunghissime spataffiate di testo a cui Workaway ti costringe prima di capire che no, quell’host non fa per te perché accetta workawayer per minimo 3 mesi (peccato che tu ci hai praticamente messo 3 mesi a leggere tutto il suo profilo, prima di scoprirlo).

Infine, un’altra cosa molto interessante è la quantità e differenziazione dei tipi di aiuto possibili: utilizzando bene i filtri è possibile trovare molto più facilmente che su Workaway l’esperienza giusta!

Insomma, Worldpackers sembra essere davvero una buona alternativa a Workaway, persino migliore! Peccato che sia un po’ costosa.

 

Ma ehi, aspetta, non ti avevamo promesso un regalo? Ecco, esatto 🙂

Siccome WorldPackers ci è piaciuto così tanto, ci siamo subito iscritti e messi in contatto con il loro efficientissimo team. E siamo riusciti a garantire ai lettori di ViaggioSoloAndata uno sconto sostanzioso!

Il regalo per te
Se vuoi iscriverti a WorldPackers con uno sconto di 20$ ti basterà utilizzare il codice VIAGGIOSOLOANDATA!

Non male, no? In questo modo pagherai solo 29$ per un anno, rendendo il tutto molto più conveniente di Workaway!

 

Workaway free: HippoHelp

hippohelp come funziona

Proviamo a vedere cosa c’è di gratuito, lì fuori, come alternativa a Workaway free of charge.

Una delle prime cose che mi sono saltate fuori nella mia ricerca è stato HippoHelp. È molto più basico degli altri siti simili, ma sembra fatto molto bene e avere parecchi host registrati. Sono riuscita a contare circa 670 esperienze disponibili, bisognerebbe vedere quante attive effettivamente però.

I vantaggi rispetto a Workaway? Mi sembra scontato: è gratis. Ti registri con Facebook e scegli gli ospiti da una semplice mappa. Sembra che la piattaforma sia molto attiva, e che, al contrario di Workaway, funzioni bene anche il sistema diciamo PULL (cioè dei volontari che compilano il profilo e vengono contattati). Per farlo, basta creare il proprio profilo con descrizione e skill e posizionarlo sulla mappa insieme agli altri.

Una community interessante, dove forse si può ritrovare quel vibe originale di Workaway che purtroppo la mia amata piattaforma, ingrandendosi a dismisura, ha un po’ perso 🙁

 

Workaway vs HelpX

HelpX è un’alternativa a Workaway che è in giro da un po’. Anzi, forse da prima ancora di Workaway, perché è nato nel 2001

Solo che, al contrario di Workaway, non mi sembra si sia evoluto molto in termini di esperienza utente e grafica. Il sito è davvero basico, ma così anche il costo, il che potrebbe essere un’ottima qualità: un account da HelpXer premium costa 20 euro per due anni (nella versione free si può essere contattati dagli host, ma non il contrario).

Gli host presenti sulla piattaforma sono davvero molti, il che ne fa un ottimo competitor di Workaway, conveniente nel prezzo. Però, ragazzi di HelpX…investite un po’ sulla grafica! Si vede che dal 2001 non avete cambiato mai molto.

 

Workaway vs HelpStay

Un’altra alternativa a Workaway con un costo molto contenuto è HelpStay. Nonostante la somiglianza di nome con HelpX e per i costi (19.99€ single account, 26.99€ couple), tutto il resto è molto più curato.

Dovrebbero esserci più di 1000 host in più di 100 Paesi, il che ne fa un portale di medie dimensioni. Anche qui le esperienze e i profili sembrano essere fatti molto bene, si possono vedere i dettagli e le informazioni chiaramente divise per categorie. Un’altra soluzione che sembra avere un maggior supporto dietro, insomma.

Un aspetto negativo è però che molti host chiedono una fee, almeno in Paesi come l’India. Fee che può essere anche piuttosto alta considerando quelle che è l’effettivo costo della vita lì. 

Un altro aspetto che è stato tralasciato, almeno da quel che sembra prima di iscriversi, è la presenza di una mappa complessiva su cui trovare gli host.

 

Workaway gratis: Volunteer base

Un’altra alternativa gratuita a Workaway è il sito di scambio viaggio lavoro VolunteerBase. Anche questo, come HelpX, è in giro da un po’, ma anche in questo, purtroppo, non hanno fatto grandi investimenti per migliorarlo negli ultimi anni.

Il sito è gratuito, quindi provare non costa nulla, ma un grosso limite a mio parere è che non ci sia nessuna indicazione di data di inserimento dell’annuncio, mentre con Workaway è possibile vedere quantomeno l’ultima volta in cui un host ha fatto login alla piattaforma e quanto tempo ci mette in media a rispondere.

 

Workaway vs Voluntouring (free)

Infine, una menzione per questo sito molto basico ma promettente: Voluntouring.

Quando dico che è molto basico, intendo in senso letterale: è organizzato come un blog, nel senso che per trovare le esperienze si usa la Search Box del sito e si inserisce una keyword. La capacità in termini di filtri di questa piattaforma finisce qui.

Detto questo, essendo gratis, dare un’occhiata non fa male, e ho visto tante cose interessanti, soprattutto in Africa. Gli annunci vengono pubblicati non direttamente dalle NGO ma dallo staff del sito, il che dovrebbe presupporre un minimo di filtro iniziale negli annunci della piattaforma. È anche possibile fare una donazione direttamente attraverso il sito, e per candidarsi per una posizione si compila semplicemente il form di contatto (niente registrazioni qui).

 

Ma quindi qual è la migliore alternativa a Workaway?

Sicuramente non abbiamo nominato tutti i siti di work exchange là fuori, ma i principali sono qui. Non abbiamo inserito WWOOF perché troppo diverso a mio parere (solo focalizzato sul lavoro strettamente nelle fattorie biologiche, e con logiche di subscription e pagamento regione per regione). Per il resto, ci sono parecchi spunti qui.

Ma quindi, quale scegliere? Visto che nei principali la fee di pagamento annuale non è bassa, e che comunque cercare e analizzare questi siti porta via tanto tempo, quale dovremmo scegliere?

È una bella domanda, e dipende tanto dal tuo budget e dal tempo che hai voglia di dedicare a questa cosa. 

Workaway ha tanti vantaggi che ormai lo mettono una spanna avanti alla concorrenza:

  • Costo nella media
  • App mobile
  • Sito bello e comodo da consultare
  • filtri approfonditi
  • possibilità di vedere host su una mappa
  • possibilità di vedere ultimo accesso host e tempo medio di risposta
  • possibilità di vedere quando gli host sono liberi nel calendario (purtroppo, non adeguatamente utilizzata dagli host stessi)
  • database enorme

Penso che, a livello di performance, una buona alternativa possa essere WorldPackers, anche se costosa.

Mentre, tra quelle gratuite, mi ha conquistato solo HippoHelp.

 

Tu che esperienze hai con questi siti? Raccontacelo nei commenti e confrontiamoci sulla migliore alternativa a Workaway disponibile!

 

Un abbraccio,

Ilaria e Marco

More from Ilaria Cazziol

Il viaggio a piedi dall’Italia a Singapore – Ricordati il Giacchetto

Oggi intervistiamo una coppia di viaggiatori: Nicole e Pietro di Ricordati Il...
Read More

4 Comments

  • Ciao Ilaria. Complimenti per l’articolo illuminante e le informazioni fornite! Volevo chiederti se sai come profilarsi in Workpackers come coppia. Dal momento che si può creare soltanto un account singolo (non di coppia come in Workaway) è necessario creare (e pagare) due account singoli e indicare poi in entrambi che si viaggerà in coppia, oppure (come lasci intendere tu) è possibile crearne uno solo e al suo interno indicare nelle varie sezioni ( skills, travels, ecc.) le descrizioni di entrambi ? Grazie mille!

    • Ciao Gabriele, diciamo che su Worldpackers è lasciata libera la scelta… Non essendoci la modalità account di coppia, almeno per ora, si può decidere se fare due account diversi (che chiaramente conviene solo se lo si usa molto in modo separato) o unire le descrizioni e le skill in uno solo 🙂

  • Ciao Ilaria, grazie per la risposta! Ho letto sull’HELP di WorldPackers che ogni singolo profilo può essere collegato ad una sola persona fisica e qualunque profilo di coppia (immagino con foto che ritragga entrambi, descrizioni doppie, ecc.) verrà rimosso senza preavviso.. Tu hai provato a crearne uno di coppia ? Te l’hanno lasciato attivo? Grazie ancora!

    • Ah questa deve essere una novità, qualche tempo fa non era così! Noi ne abbiamo due separati perché viaggiamo spesso anche da soli, quindi non ho esperienza di prima mano.
      Da quanto so, stavano pensando di implementare un’opzione “di coppia” anche loro, magari è in arrivo, prova a contattare il customer care, sono molto disponibili 🙂
      In alternativa puoi provare a fare un profilo singolo e poi proporvi come coppia solo nella fase di contatto, ma non saprei dirti se sono così “attenti” come dicono nelle FAQ 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.